Perictione

madre di Platone

Perictione, Perittione o Periktione (in greco antico: Περικτιόνη) (Atene, V secolo a.C.V secolo a.C.), è stata una nobildonna greca vissuta nel V secolo a.C., madre del filosofo Platone.

BiografiaModifica

Era discendente di Solone, il legislatore ateniese.[1] Sposò Aristone ed ebbe tre figli — Glaucone, Adimanto e Platone — e una figlia, Potone.[2] Rimasta vedova si risposò con Pyrilampes, statista ateniese nonché suo zio. Da lui ebbe il quinto figlio, Antiphos, che compare nel Parmenide di Platone.[3]

Di lei scrisse Diogene Laerzio[1]: «Platone era figlio di Aristone e Perictione [...], che faceva risalire la sua ascendenza a Solone. Dropide era fratello di Solone ed era padre di Crizia, del quale era figlio Callescro. Di Callescro furono figli Crizia, che fu uno dei Trenta [tiranni] e Glaucone. Glaucone fu padre di Carmide e Perictione. Da Perictione e da Aristone nacque Platone.»

Sono giunti a noi alcuni frammenti di due opere spurie di Perictione intitolate Sull'armonia delle donne e Sulla saggezza. Le opere non datano dello stesso periodo, e sono normalmente attribuite ad una Perictione I e ad una Perictione II.[4] Entrambe le opere appartengono alla cosiddetta letteratura della scuola pitagorica. Sull'armonia delle donne tratta dei doveri della donna nei confronti del marito, del matrimonio e dei suoi genitori, è scritta in greco ionico e probabilmente data dal IV o dal III secolo a.C.[5] Sulla saggezza offre una definizione filosofica della saggezza, è scritta in greco dorico e probabilmente data dal III al II secolo a.C.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, III, 1
  2. ^ Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, III, 4.
  3. ^ Plato, Republic, trans. G. M. A. Grube, Indianapolis, Hackett, 1992, viii, ISBN 0-87220-137-6.
  4. ^ Mary Ellen Waithe, A History of Women Philosophers: Volume 1, 600 BC-500 AD, Springer.
  5. ^ a b Ian Michael Plant, Women writers of ancient Greece and Rome: An anthology, University of Oklahoma Press (2004), p. 76.

Voci correlateModifica