Apri il menu principale

Periplus Maris Erythraei

(Reindirizzamento da Periplo del Mar Rosso)
Carta di Abraham Ortelius (1527-1598) con l'indicazione delle località menzionate dal Periplo del Mar Rosso

Il Periplo del Mar Eritreo o Periplo del Mar Rosso (latino: Periplus Maris Erythraei, in greco: Περίπλους τῆς Ἐρυθρὰς Θαλάσσης Períplous tês Erythràs Thalássēs) è un antico documento, risalente probabilmente al I secolo, che descrive le rotte di navigazione sul Mar Rosso e, in parte, l'Oceano Indiano e il Golfo Persico.

DescrizioneModifica

Il documento è composto di 66 capitoli, la maggior parte dei quali sono composti da un unico paragrafo. Vi sono descritte una quantità di località portuali del mondo antico, una di queste è Oraea; nella maggior parte dei casi facilmente identificabili sulla base delle informazioni fornite dal testo, ma la locazione di alcuni particolari luoghi menzionati dal testo è tuttora soggetta a dibattito. Sebbene il titolo dell'opera sia stato tradotto in italiano con Periplo del Mar Rosso, l'espressione originale Maris Erythraei ("mare dell'Eritrea") aveva un significato certamente più ampio e includeva il Golfo Persico e l'Oceano Indiano. L'opera cita infatti, tra l'altro, il fiume Gange e la Cina (chiamata Thina, e descritta come paese d'origine della seta). Anche i nomi delle merci commerciate, in alcuni casi, sono di difficile interpretazione.

 
Mappa delle rotte e delle località menzionate

Storia del testoModifica

L'originale del Periplus, andato perduto, era scritto in greco, probabilmente da un mercante egiziano di epoca romana. Sono state proposte diverse datazioni, comprese fra il I e il III secolo, ma l'ipotesi più accreditata è che la stesura originale risalga alla metà del I secolo. Il testo è pervenuto ai giorni nostri attraverso un manoscritto bizantino del X secolo, oggi conservato presso la biblioteca universitaria di Heidelberg. Una copia più recente, del XIV-XV secolo, è conservata al British Museum. La prima edizione a stampa fu realizzata nel 1553 da Sigismund Gelenius.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN177001469 · LCCN (ENn80135263 · GND (DE4234631-9 · BNF (FRcb12155625v (data) · WorldCat Identities (ENn80-135263