Apri il menu principale

CaratteristicheModifica

Si tratta di una zona in cui la luminosità del sole non riesce mai a penetrare, dunque è perpetuamente immersa nell'oscurità. Questa zona è inoltre soggetta ad un'elevata pressione idrostatica che cresce con la profondità.

BiologiaModifica

 
Cryptopsaras couesii fotografato nel suo ambiente di vita nel piano abissale.

In questa zona vivono i più noti pesci abissali come, ad esempio, il melanoceto ed altre rane pescatrici abissali, l'inghiottitore nero, il pesce treppiede o l'anguilla pellicano oltre ad invertebrati altrettanto particolari come il calamaro gigante o il calamaro colossale.

Nella zona abissopelagica vivono le Ophidiidae, gli Anfipodi, il Bathypterois grallator. Nella zona adopelagica vivono le Zoarcidae, le Macrouridae, le Liparidae, le Ophidiidae e l'Hymenaster.[1]

NoteModifica

  1. ^ "Discesa negli abissi" in Focus, giugno 2015, n. 272, pag. 57.

BibliografiaModifica

  • Rob Nelson, Abyssal, The Wild Classroom, aprile 2007. URL consultato il 7 gennaio 2013.

Altri progettiModifica

  Portale Ecologia e ambiente: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ecologia e ambiente