Picchetto (militare)

soldati disposti in posizione avanzata

In ambito militare, un picchetto è un soldato o un piccolo raggruppamento di soldati disposti in posizione avanzata rispetto ad una formazione più ampia con compiti di avanscoperta e avvistamento anticipato del nemico; per estensione, indica anche un gruppo di militari posti a guardia di una installazione o di una nave, o comunque impegnati in una certa occupazione[1][2]. Il termine ha origine antica, indicando inizialmente le sentinelle di guardia alle mura cittadine, o un piccolo gruppo di soldati a cavallo (di solito dragoni) tenuto pronto a intervenire in caso di attacco nemico contro truppe in sosta o accampate[1]; in ambito anglosassone, è usato almeno dal 1761[3].

Illustrazione dal poema The Picket Guard di N.C. Wyeth

Le truppe impegnate in servizio di picchetto sono generalmente schierate in formazione aperta, con gli uomini ben distanziati tra di loro ("linea di picchetto"); il termine è anche usato per indicare un piccolo distaccamento di militari impegnato in funzione di guardia d'onore, soprattutto quando si tratta di rendere gli onori a una certa personalità ("picchetto d'onore")[1].

Nell'ordinamento delle Forze armate italiane, viene indicato con il termine di "picchetto" un distaccamento di soldati armati posto a disposizione del comandante di una installazione o di una nave militare, incaricato di compiti di sorveglianza o di ordine pubblico, e posto alle dipendenze di un sottufficiale o di un ufficiale inferiore ("ufficiale di picchetto")[1].

NoteModifica

  1. ^ a b c d Riccardo Busetto (a cura di), Dizionario militare, Zanichelli, 2004, pp. 669-670. ISBN 88-08-08937-1.
  2. ^ Picket, in oxforddictionaries.com. URL consultato il 20 dicembre 2012.
  3. ^ Online Etymology Dictionary - Picket, in etymonline.com. URL consultato il 20 dicembre 2012.

Voci correlateModifica

  Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra