Pinta (nave)

nave usata da Cristoforo Colombo nel suo primo viaggio attraverso l'Oceano Atlantico nel 1492
Pinta
LaPinta.jpg
Una riproduzione della Pinta a Palos de la Frontera
Descrizione generale
Banner of arms crown of Castille Habsbourg style.svg
TipoCaravella
Destino finaleSconosciuto
Caratteristiche generali
Stazza lorda115,5 tsl
Lunghezza22,75 m
Larghezza6,6 m
Pescaggio1,85 m
PropulsioneVele quadre (2), vela latina
Velocitànodi (15 km/h)
Equipaggio26
voci di navi e imbarcazioni a vela presenti su Wikipedia

La Pinta (in spagnolo: la "Dipinta") fu una delle tre navi utilizzate da Cristoforo Colombo nel suo primo viaggio attraverso l'Oceano Atlantico nel 1492. Fu la nave dalla quale Rodrigo de Triana avvistò per primo l'America. È da notare il fatto che Pinta era semplicemente un soprannome: il vero nome dell'imbarcazione è sconosciuto.

La Pinta era una caravella. La velatura era costituita da una vela quadra di trinchetto e una grande di maestra, mentre l'albero di mezzana (a poppa) portava una vela triangolare latina. Tra le riproduzioni esistenti, alcune esibiscono una vela di civada sul bompresso, mentre varie altre ne sono prive, pur essendo il bompresso abbastanza consistente come dimensioni e quindi in grado di sostentere una vela

Possedeva sia un cassero di poppa sia un castello di prua, anche se su quest'ultimo non tutte le fonti e le riproduzioni sono allineate. Le notizie sulla stazza e in generale sulle dimensioni sono contrastanti, con fonti (la maggioranza) che danno una stima intorno alle 110 t, ed altri di sole 60 t[1]. Si stimava avesse un equipaggio intorno ai 25 uomini. Era una nave maneggevole, potendo fare gli 8 nodi secondo alcune fonti[2]

Le altre navi della spedizione di Colombo furono la Niña e la Santa María. La Pinta e la Niña sopravvissero al viaggio di ritorno, a differenza dell'ammiraglia che finì incagliata su un banco di corallo presso Haiti, durante una navigazione notturna.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN169946765 · LCCN (ENn92025899 · GND (DE4198158-3 · WorldCat Identities (ENlccn-n92025899