Apri il menu principale
Vista nord-ovest della piramide.

La piramide di Kukulkan, nota anche come El Castillo, è un monumento piramidale mesoamericano che domina il centro di Chichén Itzá, sito archeologico messicano nello Stato dello Yucatán. L'edificio è più formalmente designato dagli archeologi come "Chichen Itza Struttura 5B18".

Costruito dalla civiltà pre-colombiana Maya tra il IX e il XII secolo, la struttura è servita come un tempio dedicato al dio Kukulkan, il Maya Yucateco o "dio-Serpente Piumato" strettamente legato a sua volta al dio Quetzalcoatl noto agli Aztechi e ad altre culture messicane centrali del periodo post-classico.

La piramide è costituita da una serie di terrazze quadrate con scalinate fino a ciascuno dei quattro lati del tempio centrale superiore. Sculture di serpenti piumati corrono lungo i lati della balaustra nord. Durante gli equinozi primaverili e d'autunno, il sole del tardo pomeriggio colpisce fuori l'angolo nord-ovest della piramide e lancia una serie di ombre triangolari contro la balaustra nord-ovest, creando l'illusione di un serpente piumato "strisciante" sullo sfondo della piramide. L'evento è stato molto popolare, ma è discutibile se si tratta di un risultato di design mirato[1]. Ciascuno dei quattro lati della piramide ha 91 gradini che, sommati insieme, compresa la piattaforma del tempio in alto come fase finale, produce un totale di 365 punti (che è uguale al numero di giorni dell'anno-Haab)[2].

La struttura è di 24 m di altezza, più altri 6 m per il tempio. La base quadrata misura 55,3 metri di diametro. È patrimonio mondiale dell'UNESCO a partire dal 1988[3].

Indice

NoteModifica

  1. ^ Šprajc and Sánchez 2013
  2. ^ Milbrath 1989: 66
  3. ^ Pre-Hispanic City of Chichen-Itza at whc.unesco.org

BibliografiaModifica

  • Coe, Michael D., The Maya, Ancient peoples and places series, 6th, fully revised and expanded, London and New York, Thames & Hudson, 1999, ISBN 0-500-28066-5, OCLC 59432778.
  • Milbrath, Susan, Star Gods of the Maya: Astronomy in Art, Folklore, and Calendars, The Linda Schele series in Maya and pre-Columbian studies, Austin, University of Texas Press, 1999, ISBN 0-292-75225-3, OCLC 40848420.
  • Šprajc, Ivan, and Pedro Francisco Sánchez Nava (2013). Astronomía en la arquitectura de Chichén Itzá: una reevaluación. Estudios de Cultura Maya XLI: p. 31–60.
  • Willard, T.A., Kukulcan, the Bearded Conqueror : New Mayan Discoveries, Hollywood, CA, Murray and Gee, 1941, OCLC 3491500.
  • Gray, Richard. "Sacred Sinkhole Discovered 1,000-year-old-Mayan-Temple-Eventually-Destroy-Pyramid." Science & tech August 17, 2015. Dailymail. Web. August 17, 2015.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN172535962 · LCCN (ENsh90004340 · WorldCat Identities (EN172535962