Apri il menu principale

Porta di Ishtar

porta della città interna di Babilonia

Coordinate: 32°32′36″N 44°25′20″E / 32.543333°N 44.422222°E32.543333; 44.422222

La Porta d'Ishtar ricostruita al Pergamonmuseum di Berlino.
Veduta dal lato destro della porta.

La Porta di Ištar (adattato anche in Ishtar secondo la grafia anglofona; Arabo: بوابة عشتار, Persiano: دروازه ایشتار) era l'ottava porta della città interna di Babilonia. Fu costruita attorno al 575 a.C. sotto il re Nabucodonosor II nella parte nord della città, e consacrata alla dea Ištar.

Particolare della decorazione.

Dal 1930 la porta si trova al Pergamonmuseum di Berlino, ricostruita con i materiali recuperati dagli scavi di Robert Koldewey, insieme con una parte della Via Processionale che passava sotto di essa. La struttura era in realtà una doppia porta di cui ciò che è in mostra nel Pergamonmuseum è solo la più piccola parte frontale. L'ingresso posteriore, più ampio, è custodito nei magazzini del museo, mentre altre parti della porta, e due leoni della Via Processionale, si trovano in vari altri musei sparsi nel mondo come il museo di:

I decori principali della porta sono: leoni, tori, draghi, fiori, su fondo blu, rivestiti con ceramica invetriata[1].

Una più piccola riproduzione della porta è stata costruita in Iraq sotto Saddam Hussein come entrata a un museo che non è stato completato. Danni alla riproduzione avvennero durante la guerra in Iraq.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Senta German, Neo-Babylonian Art: Ishtar Gate and Processional Way, su smart history. URL consultato il 5 aprile 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh86001923 · GND (DE4323970-5
  Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia