Apri il menu principale

I presantificati sono le ostie precedentemente consacrate distribuite ai fedeli durante la liturgia cattolica del Venerdì santo, detta appunto dei Presantificati, ed in varie celebrazioni della liturgia bizantina. Il Protestantesimo rifiuta invece radicalmente questa pratica, vedendoci anzi elementi di idolatria[1].

CaratteristicheModifica

Si tratta di particole già consacrate in precedenza[2] - dal momento che nelle liturgie menzionate il celebrante non compie il rito di consacrazione - e custodite nel tabernacolo. Nella chiesa greca ortodossa tale liturgia viene celebrata per tutti i giorni della Quaresima, escluso il sabato e la domenica[3].

NoteModifica

  1. ^ Giuseppe De Rosa, Il culto eucaristico, in La Civiltà cattolica, 3661-3666, 2003. URL consultato il 4 gennaio 2018.
  2. ^ Pietro Pianton (a cura di), Enciclopedia Ecclesiastica, Gerolamo Tasso, 1862, pp. 830. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  3. ^ AA.VV., Nuova enciclopedia popolare, ovvero Dizionario generale di scienze, lettere, arti, storia, geografia, ecc. ecc., 1-12, Cugini Pomba e Comp. editori, 1851, pp. 389. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cristianesimo