Privilegia clericorum

I privilegia clericorum sono le particolari prerogative che secondo il diritto canonico assisteva coloro che avevano ricevuto gli ordini sacri, cioè i chierici, e che sono stati ribaditi nel Codice di diritto canonico del 1917.

Evoluzione storicaModifica

Di fatto, con la progressiva laicizzazione dei vari ordinamenti giuridici, i privilegia si sono ridotti, in buona parte, a mere affermazioni di principio, con scarse conseguenze pratiche.

Tipologie di privilegiaModifica

Privilegium canonis, previsto dal canone 119, comminava la scomunica al laico che compiva una ingiuria reale cioè una percossa nei confronti dei chierici. Il nome deriva da un antico canone che recitava Si quis, suadente diabolo, clericum percutit, anatema esto

Privilegium fori previsto dal canone 120 che riservava al tribunale ecclesiastico il contenzioso sia civile che criminale.

Privilegium immunitatis previsto dal canone 121, che esentava i chierici dal prestare servizio militare ed altri incarichi civili.

Privilegium competentiae previsto dal canone 122 che permetteva di mantenere quanto necessari all'onesto sostentamento ai chierici debitori nei confronti di terzi per il loro onesto sostentamento (cf. c. 122).

BibliografiaModifica

  • De Bernardi i privilegia clericorum nel diritto italiano Giuffrè 1937
  • Banfi Antonio, Studi sull'esclusività della giurisdizione ecclesiastica e sulle origini del privilegium fori in diritto romano e bizantino .

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica