Pterelao

re di Tafo nella mitologia greca
Pterelao
Nome orig.Πτερέλαος
SessoMaschio

Pterelao (in greco antico: Πτερέλαος, Pterélaos) è un personaggio della mitologia greca, figlio di Tafio e re di Tafo. e quindi, il nipote del primo Pterelao. Un'altra fonte fa di Tafio il figlio di Poseidone e Ippothoë, figlia di Mestore, a sua volta figlio di Perseo.

Fu il padre di diversi figli (Cromio, Tiranno, Antioco, Chersidamas, Mestore ed Evere) e di una figlia di nome Cometo.

MitologiaModifica

Il dio Poseidone aveva fatto crescere sulla sua testa un unico magico capello dorato che, fintanto che continuava a essere celato nella sua folta capigliatura, lo rendeva immortale e invincibile. Pterelao e la sua famiglia fecero irruzione nel bestiame del re di Micene, il che causò una spedizione di rappresaglia guidata da Anfitrione (che in seguito sarebbe divenuto il padre adottivo di Eracle). La figlia Cometo, innamorata follemente di Anfitrione, strappò il capello d'oro del padre, uccidendolo. Anfitrione poté quindi conquistare la città e condannò a morte la figlia snaturata[1].

NoteModifica

Voci correlateModifica

  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca