Apri il menu principale
Quartiere Cave di Peperino
Marino piccolo cave di peperino.GIF
Il quartiere Cave di Peperino (in celestino) evidenziato in una foto aerea di Marino.
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàMarino (Italia)-Stemma.png Marino (Italia)
CircoscrizioneI Circoscrizione di Marino centro
Codice postale00047
Nome abitantimarinesi
Patronosan Barnaba
Giorno festivo11 giugno

Coordinate: 41°46′N 12°40′E / 41.766667°N 12.666667°E41.766667; 12.666667

Il quartiere Cave di Peperino ( 'e Cave in dialetto marinese) è un quartiere della cittadina di Marino, in provincia di Roma, nell'area dei Castelli Romani.

StoriaModifica

Il quartiere, posto fuori dall'antica cerchia muraria medioevale e situato nella vallata della marana delle Pietrare sotto il centro storico di Marino, trae origine dalla presenza delle enormi cave di peperino, attive a partire dall'età romana fino al 1960, quando a causa della realizzazione della Strada statale 217 Via dei Laghi sulla roccia sovrastante le cave si dovette interrompere l'estrazione della pietra.

Nel quartiere è situata la stazione di Marino Laziale sulla ferrovia Roma-Albano, realizzata nel 1889 e collegata a Marino da grandi scalinate in peperino che colmano i quasi 200 metri di dislivello tra la stazione e l'abitato, note ai marinesi come 'e scalette de 'a Stazione.

Inoltre il Comune di Marino ed il Comitato di Quartiere si sono occupate della realizzazione di un impianto sportivo nel quartiere, così attualmente sono presenti un campo da pallavolo e basket, un campetto da calcio a 5 sterrato e un grande piazzale utilizzato nelle sere d'estate come pista da ballo. In servizio di tutto ciò è in fase di completamento un parcheggio.

Durante il periodo di Natale il Comitato di Quartiere organizza il tradizionale presepe vivente tra le scenografiche latomie delle cave.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

Edicole sacreModifica

  • Edicola della Madonna di Fatima.[1]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Vittorio Rufo, Le Madonnelle di Marino, in Maria Angela Nocenzi, Vittorio Rufo, Ugo Onorati, Il lascito Giani e Le Madonnelle di Marino, Marino 2011.

BibliografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia sui Castelli Romani.