Apri il menu principale

Patrono

nella Roma antica, un cittadino di una certa autorevolezza (in genere patrizio), chiamato così per via del legame, detto di patrocinio (ossia di protezione), che aveva con i clientes
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando una persona alla quale la Chiesa affida la protezione di una certa categoria di fedeli, vedi Santo patrono.

Patrono (in latino patronus = "protettore", da pater = padre) era nella Roma antica un cittadino di una certa autorevolezza, in genere patrizio, chiamato così per via del legame, detto di patrocinio, ossia di protezione, che aveva con i clientes.

StoriaModifica

Dionigi di Alicarnasso fa risalire l'istituzione della relazione tra cliens e patronus a Romolo, che dopo aver suddiviso il popolo romano in Patrizi e Plebei, ne definì un rapporto gerarchico, attribuendo ai Patrizi il patronato dei Plebei.[1] I Patroni dovevano istruire i clientes sulle leggi della città, rappresentandoli in giudizio, sia quando vi fossero tratti come vittime che come accusati.[2]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica