Patrono

nella Roma antica, un cittadino di una certa autorevolezza (in genere patrizio), chiamato così per via del legame, detto di patrocinio (ossia di protezione), che aveva con i clientes
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando una persona alla quale la Chiesa affida la protezione di una certa categoria di fedeli, vedi Santo patrono.

Patrono (in latino patronus = "protettore", da pater = padre) era nella Roma antica un cittadino di una certa autorevolezza, in genere patrizio, chiamato così per via del legame, detto di patrocinio, ossia di protezione, che aveva con i clientes.

StoriaModifica

Dionigi di Alicarnasso fa risalire l'istituzione della relazione tra cliens e patronus a Romolo, che dopo aver suddiviso il popolo romano in Patrizi e Plebei, ne definì un rapporto gerarchico, attribuendo ai Patrizi il patronato dei Plebei.[1] I Patroni dovevano istruire i clientes sulle leggi della città, rappresentandoli in giudizio, sia quando vi fossero tratti come vittime che come accusati.[2]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica