Apri il menu principale

Radio Dolomiti

emittente radiofonica privata italiana con sede a Trento
Radio Dolomiti
Data di lancio24 dicembre 1975
EditoreSocietà Iniziative Editoriali
Sito web
Diffusione
Terrestre
AnalogicoFM in Trentino-Alto Adige e zone della Lombardia, del Tirolo Austriaco e del Veneto
DigitaleDAB in Trentino-Alto Adige e zone della Lombardia, del Tirolo Austriaco e del Veneto

Radio Dolomiti è un'emittente radiofonica privata italiana con sede a Trento.

StoriaModifica

 
Postazione di Radio Dolomiti presso Artingegna 2018, a Rovereto, negli spazi di Progetto Manifattura

Nata il 24 dicembre del 1975, è stata la prima radio privata del Trentino, quando ancora queste si chiamavano "radio libere".

Tra il 2000 e il 2001 cambia la proprietà: l'editore Angelo De Tisi passa il testimone alla società editoriale che gestisce anche il quotidiano L'Adige.[1][2] Nel 2018 Radio Dolomiti viene acquisita, assieme al quotidiano l'Adige, dal gruppo editoriale Athesia di Bolzano.[3]

È la radio ufficiale della Trentino Volley.[4]

DatiModifica

Oggi questa radio si può ascoltare anche oltre i confini della Provincia autonoma di Trento: è infatti raggiungibile in Alto Adige-Südtirol, in parte del Veneto e della Lombardia, nella zona del Lago di Garda, e persino nei dintorni di Innsbruck, nella parte austriaca del Tirolo.

Nel Trentino, durante l'anno 2013, è risultata prima per indici di ascolto come radio privata non a diffusione nazionale.[5]

Il palinsesto propone un mix di parlato e musica, informazione e intrattenimento.

NoteModifica

  1. ^ La storia, Radio Dolomiti. URL consultato il 12-11-2012 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2007).
  2. ^ Radio Dolomiti, Radio Tv Libere. URL consultato il 12-11-2012.
  3. ^ Il Gruppo Athesia acquista il quotidiano l'Adige, su altoadige.it, 24 luglio 2018. URL consultato il 12 dicembre 2018.
  4. ^ Frequenze Radio Dolomiti, Trentino Volley. URL consultato il 12-11-2012 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2012).
  5. ^ Classifica ascolti radio Trentino 2013, su radiomusik.it, RadioMusik, 11 maggio 2013. URL consultato il 22 aprile 2018.

Collegamenti esterniModifica