Apri il menu principale

BiografiaModifica

Istintivo ed orignale, di stile tardo-impressionista, formatosi all'Accademia di belle arti di Napoli, alla scuola di Domenico Morelli e di Stanislao Lista, il pittore napoletano Raffaele Ragione si distinse nei ritratti e nelle scene di genere, dimostrandosi creativo, prolifico e sensibile alle variazioni della luce del giorno.

Nelle sue prime opere, come in Bosco di Capodimonte, subì il contatto con la Scuola di Resìna che raccoglieva a Napoli un gruppo di pittori che dipingevano dal vero. Egli sapeva cogliere - en plein air - piccole scene di vita quotidiana in ambito borghese, che deponeva sulla tela con tinte fresche ariose e delicate, rese a piccole e grandi macchie. Si presentò con opere in questo stile alle mostre annuali della società Promotrice di Napoli, dal 1873 al 1897. Nel 1873 espose La vettura improvvisata;[1] nel 1874, I racconti della nonna;[2] nel 1875, Il pane povero;[3] nel 1876, L'insegnamento al lavoro;[4] nel 1880, Ultima speranza;[5] nel 1881, La speranza di una povera madre[6].

Fu anche presente a mostre della Promotrice di Genova, nel 1874 e nel 1875, espose a Milano nel 1874 e nel 1895, a di Torino negli anni 1875 e 1878 e a Roma nel 1893.

Trasferitosi a Parigi, nel 1902, assunse uno stile ancor più fresco, morbido e spontaneo, più vicino ai modi degli impressionisti. Restò nella capitale francese fino al 1923, quando tornò a Napoli. La La Galleria dell'Accademia di belle arti di Napoli possiede Comunicanda, olio su tela, 41x63,5 cm.[7]

Altre sue opereModifica

  • Figure al Parc Monceau
  • Pomeriggio a Parc Monceau
  • Galleria Umberto I
  • Le sorelle
  • I tre amici
  • Ricamatrici in giardino
  • Scena cittadina, 1905
  • Spiaggia in Normandia
  • Gioco del tennis, Parigi

NoteModifica

  1. ^ Società promotrice di belle arti "Salvator Rosa", Catalogo degli oggetti d'arte ammessi alla 10ª esposizione aperta il di 20 aprile 1873 nella sala di S. Domenico Maggiore, Napoli, stab. tip. del cav. G. De Angelis, 1873, SBN IT\ICCU\NAP\0106147.
  2. ^ Società Promotrice di Belle Arti in Napoli, Catalogo degli oggetti d'arte ammessi alla 11ª esposizione aperta il di 22 Marzo 1874 nella Sala di S. Domenico Maggiore, Napoli, Gennaro De Angelis, 1874, SBN IT\ICCU\NAP\0318520.
  3. ^ Società Promotrice di Belle Arti in Napoli, Catalogo degli oggetti d'arte ammessi alla 12ª esposizione aperta il di 14 marzo 1875 nelle sale di S. Domenico Maggiore, Napoli, stab. tip. del cav. G. De Angelis, 1875, SBN IT\ICCU\SBL\0472885.
  4. ^ Società Promotrice di Belle Arti in Napoli, Catalogo delle opere d'arte ammesse alla 13ª Esposizione aperta il di 16 aprile 1876 nelle sale terrene del R. Istituto di Belle arti, Napoli, De Angelis e figlio, SBN IT\ICCU\BAS\0086684.
  5. ^ Società Promotrice di Belle Arti in Napoli, Catalogo delle opere d'arte ammesse alla 16ª Esposizione aperta il di 11 aprile 1880 nelle sale del R. Istituto di Belle arti, Napoli, De Angelis e figlio, 1880, SBN IT\ICCU\BAS\0086686.
  6. ^ Società Promotrice di Belle Arti in Napoli, Catalogo delle opere d'arte ammesse alla 17ª esposizione, aperta il di 10 aprile 1881 nelle sale del Museo Artistico Industriale, Napoli, tip. G. de Angelis e f., 1881, SBN IT\ICCU\SBL\0717892.
  7. ^ Galleria dell'Accademia,  p. 122.

BibliografiaModifica

  • (DE) Ulrich Thieme - Felix Becker, Allgemeines Lexikon der bildenden Kunstler von der Antike bis zur Gegenwart. 27: Piermaria-Ramsdell, Leipzig, E. A. Seeman, 1933, p. 568, SBN IT\ICCU\NAP\0039796. Ad vocem
  • Anna Caputi, Raffaello Causa, Raffaele Mormone (a cura di), La Galleria dell'Accademia di Belle Arti in Napoli, Napoli, Banco di Napoli, 1971, SBN IT\ICCU\NAP\0178087.
  • (DE) Joachim Busse, Internationales Handbuch aller Maler und Bilhauer des XIX Jahrhunderts: Busse-Verzeichnis., Wiesbaden, Busse Kunst Dokumentation, 1977, p. 1017, SBN IT\ICCU\RAV\0061213. Ad vocem
  • Luigi Manzi, Raffaele Ragione: "Le peintre du Parc Monceau": Parigi 1902-1923, II ed., Napoli, Rinascita Artistica!, 1974, SBN IT\ICCU\NAP\0108070.
  • (FR) Bénézit, Dictionnaire critique et documentaire des peintres, sculpteurs, dessinateurs et graveurs de tous les temps et de tous les pays. 11: Pintoricchio-Rottel, Paris, Gründ, 1999, p. 398, SBN IT\ICCU\VEA\0109026. Ad vocem
  • Domenico Di Giacomo, Pier Luigi Di Giacomo, Raffaele Ragione (1851-1925): impressionista napoletano, Pesacara, Ianieri, 2007, SBN IT\ICCU\NAP\0400891. Con 120 tavole a colori di opere in parte inedite.
Controllo di autoritàVIAF (EN62750278 · ISNI (EN0000 0000 6688 3775 · LCCN (ENno2008043209 · ULAN (EN500099419 · WorldCat Identities (ENno2008-043209