Apri il menu principale
Raimondo Rubí y Boxadors
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertivescovo di Catania (1728-1729)
 
Nato1665
Deceduto20 gennaio 1729 a Catania
 

Raimondo Rubí y Boxadors, (o anche Rubí e Boxades) (Barcellona, 1665Catania, 20 gennaio 1729), è stato un vescovo cattolico spagnolo. Fu un religioso consacrato dell'Ordine Certosino, fu priore della Certosa di Milano[1] e secondo il Bentivegna sarebbe stato vescovo in Catalogna[2]. Ebbe vincoli di parentela con i Paternò-Castello e fu indicato come vescovo di Catania dall'imperatore Carlo VI il 9 marzo 1727. Fu nominato vescovo di Catania il 27 novembre e consacrato vescovo da papa Benedetto XIII l'8 dicembre dello stesso anno. Arrivò a Catania il 21 febbraio 1728, ma morì 11 mesi dopo a 64 anni[3] e fu sepolto nella Cattedrale di Catania. Fu un personaggio di alta valenza culturale, come mostrano alcuni sentiti elogi funebri, che poi furono pubblicati a stampa[4][5].

NoteModifica

  1. ^ Feste, ed allegrezze celebrate nella terra di Mesaro il giorno 12. di ottobre 1718 dal reverendissimo padre priore don Raimondo Rubi e monaci della certosa di Milano per la solenne collocazione della statua del loro glorioso fondatore S. Bruno ... descritte dall'alfiere Michele Parajno cittadino milanese, Milano, 1718
  2. ^ G. Bentivegna, Dal riformismo muratoriano alle filosofie del Risorgimento: contributi alla storia intellettuale della Sicilia, 1999, p. 175. Però non risulta nella cronotassi di nessuna diocesi catalana e Eubel, op. cit., p. 151, che pure documenta accuratamente la sua carriera ecclesiastica, non menziona alcun'altra sede prima di Catania e anzi attesta che fu consacrato vescovo dal papa l'8 dicembre 1727.
  3. ^ F. Ferrara, Storia di Catania sino alla fine del secolo XVIII, 1829, p. 231-232
  4. ^ N.M. Ricciuli, Le statue della Virtù d'intorno al sepolcro dell'Illustrissimo e Reverendissimo Monsignore Fra D. Raimondo Rubì e Boxades Certosino Vescovo di Catania, Gran Cancelliere dell'Almi Studj di tutto il Regno di Sicilia, Assistente al Sacro Soglio Pontificio, e del Consiglio di S.C.C.M. Orazione funebre recitata per le sue Solenni Essequie celebrate nel Duomo della suddetta Città lì 20 gennaio 1729, Catania, 1729 (cfr. G. Bentivegna, cit.)
  5. ^ Orazione funebre recitata da Giacinto Paternò Castello nell'assemblea de' Gioviali tenuta nella sala della sapienza di Catania a 21 maggio 1729 per onorare la memoria dell'Illustriss. e Rev. sig. Mons. Raimondo Rubi, Catania, 1729 (Cfr. D. Scina, Prospetto della Storia Letteraria di Sicilia: nel secolo decimottavo, 1824, p. 240)

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica