Apri il menu principale

Referendum sull'indipendenza del Kurdistan iracheno del 2017

Referendum sull'indipendenza del Kurdistan iracheno del 2017
Iraqi Kurdistan in Iraq (de-facto and disputed hatched).svg
RegioneFlag of Kurdistan.svg Kurdistan iracheno
Data25 settembre 2017
Temaindipendenza del Kurdistan
Esito
  
92,73%
No
  
7,27%
(affluenza: 72,16%)

Il referendum sull'indipendenza del Kurdistan iracheno del 2017 è un referendum che si è tenuto nel Kurdistan iracheno il 25 settembre 2017, al fine di votare sull'indipendenza della regione dall'Iraq. Il risultato non è stato riconosciuto dal governo di Baghdad.

StoriaModifica

Nel corso della guerra del governo iracheno all'Isis, che nell'agosto 2014 aveva conquistato ampi territori dell'Iraq settentrionale incluse aree a maggioranza curda, i peshmerga curdi hanno riconquistato ampie regioni ai miliziani dell'Isis, come la piana di Ninive e la regione petrolifera di Kirkuk.

Approfittando della debolezza del governo centrale di Bagdad, e del contesto internazionale, il presidente della regione autonoma del Kurdistan, Mas'ud Barzani, ha indetto per il 25 settembre 2017 un referendum sull'indipendenza della regione dall'Iraq. I seggi elettorali sono stati predisposti anche nelle regioni occupate dai curdi come esito della guerra all'Isis, ma non è stato mai riconosciuto dal governo centrale di Bagdad.

Sul piano internazionale, soltanto lo Stato di Israele ha sostenuto l'iniziativa referendaria voluta da Barzani, mentre le maggiori potenze, come gli USA del presidente Trump, si sono dichiarati alla vigilia del voto contrari alla divisione dell'Iraq [1].

Quesito referendarioModifica

Il quesito posto dal referendum è stato presentato in quattro lingue, ovvero curdo, arabo, turco e assiro.[2]

«Volete che la regione del Kurdistan e le zone curde fuori dalla regione diventino uno Stato indipendente?»

(Testo del quesito referendario)

Gli elettori potevano votare o No.

EsitoModifica

Opzioni Voti %
   2 861 471 92,73
  No 224 464 7,27
Totale 3 085 935 100,00
Schede bianche o nulle 219 990
Totale votanti 3 305 925 72,16
Aventi diritto al voto 4 581 255 [3]

ReazioniModifica

L'esito del referendum, con un'affluenza del 72,16%, ed il 92,73% dei voti favorevoli e solo il 7,27% contrari, mostrava la netta volontà del popolo curdo di rendersi indipendente dall'Iraq [4]. Tuttavia il governo centrale, che non ha mai accettato la decisione del governo regionale di Erbil di indire il referendum, non ne ha neppure riconosciuto l'esito ed ha attuato una serie di dure misure repressive nei confronti della regione indipendentista[5] [6] : il blocco dei voli internazionali da e per la regione, il controllo dei confini, dei collegamenti internet e delle banche, oltre alla riconquista della provincia petrolifera di Kirkuk[7], che i curdi avevano precedentemente liberato dall'Isis.

A seguito di queste misure il 25 ottobre, a un mese dal referendum, il Kurdistan ha accettato di congelare il risultato del referendum e di avviare un dialogo con Bagdad in merito alla volontà di indipendenza[8], mentre pochi giorni dopo il presidente del Kurdistan Mas'ud Barzani ha presentato le dimissioni, riconoscendo la sconfitta della propria strategia politica in assenza di appoggio internazionale.

NoteModifica

  1. ^ Onu e Iran contro il referendum sul Kurdistan, Israele lo sostiene Archiviato il 13 novembre 2017 in Internet Archive., Asianews, 18 Settembre 2017
  2. ^ (EN) Kurdistan referendum commission reveals four-language sample ballot, Rudaw Media Network, 6 settembre 2017. URL consultato il 7 gennaio 2018.
  3. ^ (KU) KHEC Risultati del referendum dell'indipendenza del Kurdistan (pdf), 27 settembre 2017. URL consultato il 27 settembre 2017.
  4. ^ Barzani: vittoria schiacciante del sì al referendum. Ankara e Teheran contro Erbil Archiviato il 4 ottobre 2018 in Internet Archive., Asianews 27 Settembre 2017
  5. ^ Tribunale irakeno ordina l'arresto di funzionari curdi pro indipendenza Archiviato il 4 ottobre 2018 in Internet Archive., Asianews 12 Ottobre 2017
  6. ^ Kirkuk, scontri tra esercito irakeno e curdi. Timori per un nuovo conflitto Archiviato il 4 ottobre 2018 in Internet Archive., Asianews, 16 Ottobre 2017
  7. ^ L'esercito irakeno strappa ai curdi due centri petroliferi alla periferia di Kirkuk Archiviato il 4 ottobre 2018 in Internet Archive., Asianews 17 Ottobre 2017
  8. ^ Erbil offre a Bagdad il congelamento dei risultati del referendum sull'indipendenza Archiviato il 4 ottobre 2018 in Internet Archive., Asianews 25 Ottobre 2017

Voci correlateModifica