Regione del Powder River

Per Regione del Powder River generalmente si intende il territorio che si estende dalle montagne Bighorn nel Wyoming centro-settentrionale alle Black Hills, al confine tra Wyoming e Sud Dakota. Questa regione comprende i bacini idrografici dei fiumi Powder, Tongue, Rosebud, Bighorn, Little Missouri e Cheyenne, tutti affluenti dello Yellowstone e del Missouri.

La regione del Powder River tra Wyoming e Montana.

Il fiume Powder, che dà il nome alla regione, con il suo percorso di circa 604 km (375 miglia) si snoda attraverso praterie erbose dalle pendici dei monti Bighorn (Wyoming) attraverso il Montana sud-orientale fino al fiume Yellowstone, scavando intricate interruzioni fluviali e calanchi lungo il suo cammino e viene così chiamato (sia in lingua inglese che nelle parlate indigene locali) perché la sabbia su una delle sue sponde è tanto sottile da assomigliare a polvere.[1]

Le grandi pianure della regione con il Powder Pass (alt. 2946 metri), (Wyoming), sullo sfondo.

Nella buona stagione le pianure si ricoprono di erba e perciò esse costituivano un ricco territorio di caccia, vitale per l’esistenza delle tribù di nativi che in quella regione erano stanziati.

Storicamente la regione del fiume Powder era occupata dagli indiani Crow che si erano adattati allo stile di vita nomade degli indiani delle pianure e vivevano essenzialmente con la caccia al bisonte. Il Trattato di Fort Laramie del 1851[2] aveva sancito questo diritto, ma dopo la metà del 1800, in quel territorio si insediarono anche varie tribù di Lakota e i loro alleati Cheyenne e Arapaho, tutti tradizionali nemici dei Crow. I Lakota erano formidabili guerrieri ed eccellenti cavalieri e quindi subito presero il controllo delle pianure, che erano il territorio che più si addiceva alle loro caratteristiche di vita, mentre i Crow furono costretti a ripiegare sul territorio aspro e poco ospitale intorno ai monti Bighorn.

L’intera regione è stata teatro del lungo, tragico conflitto combattuto tra gli indiani delle pianure e l’esercito degli Stati Uniti: dalla campagna contro Sioux, Cheyenne e Arapaho, nota come Spedizione del fiume Powder (1865), alla Guerra di Nuvola Rossa (1866-1868) alla Grande guerra Sioux del 1876. Al termine delle guerre indiane, come conseguenza dell'Homestead Act e delle leggi successive, la regione è stata aperta all'insediamento agricolo dei coloni bianchi e, soprattutto, a quello degli allevatori di bestiame e dei commercianti di legname[3].

NoteModifica

  1. ^ Mae Urbanek, Wyoming Place Names, Mountain Press Publishing Company, 1988
  2. ^ Treaty of Fort Laramie with Sioux etc., 1851, su https://dc.library.okstate.edu/digital/collection/kapplers/id/26435/
  3. ^ Maldwyn A. Jones, Storia degli Stati Uniti, Bompiani, 1984, pg. 259-260

BibliografiaModifica

  • Margareat Brock Hanson, Powder River country: The papers of J. Elmer Brock, M.B. Hanson, 1981
  • John Leon Parker, Soil Survey, Powder River Area, Montana, U.S. Soil Conservation Service, 1971
  • Richard Irving Dodge, The Powder River Expedition Journals of Colonel Richard Irving Dodge, University of Oklahoma Press, 1997
  • Helena H. Smith, War on Powder River, University of Nebraska Press, 1967