Apri il menu principale

Renato Genovese

giornalista e scrittore italiano
Renato Genovese a Lucca Comics and Games 2015

Renato Genovese (Napoli, 24 agosto 1950) è un giornalista, scrittore e critico[1] italiano, direttore della manifestazione Lucca Comics and Games dal 1996 al 2016[2], a cui ha anche dato l'attuale denominazione[3].

È stato anche direttore degli eventi collaterali del Lucca Comics, come Lucca Animation o Collezionando.

Iscritto all'albo dei giornalisti dal 1983[3], ha collaborato con varie testate legate al mondo dei fumetti come Orient Express, Comic Art, Il mago e Ken Parker Magazine, oltre ad aver curato i dossier e gli approfondimenti pubblicati su alcuni volumi da libreria dalla Sergio Bonelli Editore, relativi a Tex, Mister No, Nick Raider, Martin Mystère e Dylan Dog.

Nel 2009 la casa editrice Castelvecchi ha pubblicato il suo saggio L'avventurosa storia del fumetto italiano. Quarant'anni di fumetti nelle voci dei protagonisti.

Nel 2016 Genovese ha annunciato la propria rinuncia al titolo di direttore di Lucca Comics & Games, pur rimanendo nell'organizzazione dell'evento. Il suo posto è stato preso da Emanuele Vietina, già vicedirettore di Lucca Comics & Games.[2] In questo ambito ha assunto il ruolo di Senior Consultant per la progettazione e la realizzazione dell'Expo Comics Museum di Lucca.

Nel 2017 ha pubblicato per Little Nemo Art Edition 51 Storie sugli Indiani d'America, illustrato da Sergio Tisseli.

Nel 2018 ha pubblicato per Maria Pacini Fazzi Editore Anno Domini 1630, romanzo storico.

OpereModifica

  • L'avventurosa storia del fumetto italiano. Quarant'anni di fumetti nelle voci dei protagonisti, Castelvecchi, 2009.

NoteModifica

  1. ^ Quel fantastico mondo : padri, figli, padrini, padroni e padreterni del fumetto italiano di Gianni Brunoro
  2. ^ a b Genovese: “Lascio direzione ma resto ai Comics” sul sito Lucca in diretta
  3. ^ a b Renato Genovese - Comunicare è futuro, su comunicarefuturo.it. URL consultato il 26 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2012).

Collegamenti esterniModifica