Apri il menu principale

Rinaldo Jacovetti

pittore, scultore e architetto italiano

Rinaldo Jacovetti, (conosciuto anche come Rinaldo da Calvi) (Calvi dell'Umbria, 14751528), è stato un pittore, scultore e architetto italiano, attivo in Umbria e a Sabina nel XVI secolo.

Indice

BiografiaModifica

Secondogenito del pittore Pancrazio Jacovetti da Calvi (1445 ca.- 1516)[1], Rinaldo sposò in età matura Persiana, figlia di maestro Lorenzo da Tarano, probabilmente anch'egli pittore. Nel 1499 è già chiamato 'magister'*, titolo conferito non prima dei venticinque anni. Ebbe due fratelli: un maggiore di nome Giovanbattista e un minore di nome Jacovetto, nessuno dei quali intraprese la carriera artistica.

È ritenuto plausibile che Rinaldo da Calvi abbia iniziato a dipingere nella bottega paterna. Agli esordi fu influenzato dalle opere del Perugino e del Pinturicchio. Ebbe una frequentazione giovanile con Cola dell'Amatrice, attivo anch'egli in Sabina e nel Lazio. A Magliano Sabina e a Stroncone Rinaldo realizzò due *Incoronazioni della Vergine* che risentono del prototipo rappresentato dall'omonima opera dipinta dal Ghirlandaio per gli Osservanti della chiesa di San Girolamo a Narni prima del 1486.

Alcune opereModifica

  • Incoronazione della Vergine, tavola, cattedrale di San Liberatore, Magliano Sabina[2].
  • Pentecoste (v. 1520), tavola, chiesa Santa Brigida, Calvi[3].

NoteModifica

  1. ^ Datazione suggerita dalle ricerche d'archivio di Sandro Santolini, Sandro Santolini, I pittori del sacro, Arrone, Thyrus, 2001, pp. 25-32.. Secondo Calzini invece nacque nel 1466 e morì nel 1516,, Egidio Calzini, Rassegna bibliografica dell'arte italiana, 1903, p. 110..
  2. ^ Giovanni Corbella Elena Del Savio, Lazio (non compresa Roma e Dintorni), page 408, 1981 [1].
  3. ^ Antonio Canino, Umbria, page 564, Touring Club Italiano, 1999 [2].

BibliografiaModifica

  • Sandro Santolini, I pittori del sacro Pancrazio e Rinaldo Jacovetti da Calvi. Una famiglia di pittori umbri tra XV e XVI secolo, Thyrus, 2001.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN190554648 · ISNI (EN0000 0003 7471 771X · LCCN (ENnr2001050204 · ULAN (EN500048181