Apri il menu principale

Il Ritmo di Euclide, in musica, è stato scoperto da Godfried Toussaint nel 2004 e descritto in un documento del 2005 intitolato "The Euclidean Algorithm Generates Traditional Musical Rhythms", ovvero "L'algoritmo euclideo genera ritmi musicali tradizionali"[1].

Il massimo comun divisore di due numeri è utilizzato ritmicamente per dare il numero di beat e silenzi (assenza sonora) e generare quasi tutti i più importanti ritmi della musica tradizionale e della World Music[2] (eccetto la musica indiana).[3]

Indice

Progetti open-sourceModifica

Tra i progetti open source che generano tali ritmi vi sono Midipal e Grids (Mutable Instruments), Stoicheia e Ruin (RebelTech).

NoteModifica

  1. ^ (EN) The Euclidean algorithm generates traditional musical rhythms by G. T. Toussaint, Proceedings of BRIDGES: Mathematical Connections in Art, Music, and Science, Banff, Alberta, Canada, July 31 to August 3, 2005, pp. 47–56.
  2. ^ (EN) Comparative Musicology - Musical Rhythm and Mathematics
  3. ^ (EN) 'The Euclidean Algorithm Generates Traditional Musical Rhythms, by Godfried Toussaint. Una versione estesa dello studio è apparsa su Proceedings of BRIDGES: Mathematical Connections in Art, Music and Science, Banff, Alberta, Canada, 31 luglio - 3 agosto 2005, pp. 47–56.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica