Rivolta di Razlovci

La rivolta di Razlovci[1] (in bulgaro: Разловско въстание?, Razlovsko vastanie) fu una ribellione nelle aree di Maleshevo e Piyanets nella Macedonia ottomana nel 1876.[2] Faceva parte della rivolta di aprile ed era l'unica insurrezione in Macedonia in quel momento.

I lavori per la sua preparazione iniziarono alla fine del 1875 a Salonicco . Lì fu creato un gruppo rivoluzionario, che prese la decisione di organizzare un'insurrezione anti-ottomana. Fondamentalmente, questo gruppo era composto da attivisti dell'Associazione "Alba bulgara" (Българска зора).[3] Il leader del gruppo era Dimitar Popgeorgiev. I preparativi per la ribellione iniziarono alla fine del 1875 nel villaggio di Razlovci, guidati da Dimitar Berovski e Stoyan Razlovski. Era previsto che la ribellione coprisse le aree di Maleshevo, Radoviš, Strumitsa, Petrich, Melnik e successivamente l'Osogovo. Dopo lo scoppio della rivolta di aprile, alla fine di aprile 1876 furono effettuati numerosi arresti da parte delle autorità ottomane.[4] Per questo motivo, la rivolta scoppiò prematuramente il 7 maggio a Razlovci. Due bande rivoluzionarie di circa 60 persone conquistarono il villaggio per un breve periodo, poi la ribellione si diffuse a Maleshevo e Piyanets. Tuttavia, la rivolta fu soppressa e molti dei ribelli furono uccisi o arrestati. I sopravvissuti fuggirono sui monti Maleshevo, ma non fu possibile compiere ulteriori azioni.[5]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh95009116 · J9U (ENHE987007563494205171