Rock '80

album di AA.VV. del 1980
Rock '80
ArtistaAA.VV.
Tipo albumCompilation
Pubblicazione1980
Dischi1
Tracce13
GenerePunk rock
Pop punk
New wave
EtichettaCramps Records
ProduttoreGianni Sassi, Paolo Tofani
FormatiLP
NoteDirezione artistica Gianni Sassi, coordinatore Gigi Noia, missaggio Paolo Tofani

Rock '80 è un album compilation su LP prodotto nel 1980 dalla Cramps Records e curato da Gianni Sassi. Il disco comprendeva diverse band di quella che fu poi definita la prima ondata punk rock italiano.

L'albumModifica

Il 6 febbraio 1980 la Cramps Records, attraverso il suo fondatore Gianni Sassi, organizzò a Milano il festival musicale Rock '80[1]. Da tale festival nacque con l'omonimo titolo l'album raccolta che racchiudeva brani delle band partecipanti. I gruppi erano gli Skiantos, gli Windopen, i Take Four Doses, i Kaos Rock, gli X Rated, le Kandeggina Gang ed i Dirty Actions (al posto delle Clito che rifiutarono l'offerta)[2]. Tutti i gruppi inclusi nella raccolta pubblicarono poi per la Cramps Records.

L'album fu poi ristampato in Germania nel 2002 dalla Edel ed in Italia nel 2011 dalla Hate Records.

L'album è presente nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia alla posizione numero 56.[3]

TracceModifica

Lato 1Modifica

  1. "Fagioli" - Skiantos
  2. "Sei in banana dura" - Windopen
  3. "La testa" - Windopen
  4. "Vita di strada" - Take Four Doses
  5. "La notte che inventarono gli eroi" - Take Four Doses

Lato 2Modifica

  1. "Basta basta" - Kaos Rock
  2. "La rapina" - Kaos Rock
  3. "Blockhead Dance" - X Rated
  4. "Routine" - X Rated
  5. "Sono cattiva" - Kandeggina Gang
  6. "Orrore" - Kandeggina Gang
  7. "Rosa Shocking" - Dirty Actions
  8. "Figli del demonio (Dirty Actions S-Ha)" - Dirty Actions

NoteModifica

  1. ^ Luca "Luke" Morettini Paracucchi, AA.VV. – Rock ’80 (1980 – LP), su orrorea33giri.com, 27 agosto 2018.
  2. ^ Stefano Gilardino, La storia del punk, Hoepli, 2017, pp. 332-333, ISBN 9788820381677.
  3. ^ I 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone

Collegamenti esterniModifica