Romolo Bugaro

scrittore italiano

Romolo Bugaro (Padova, 1961) è uno scrittore italiano.

Romolo Bugaro

BiografiaModifica

Esordisce nel 1987 sull'antologia di racconti Belli & perversi, curata da Pier Vittorio Tondelli per il progetto "Under 25", con Studiando i codici e Select.[1] Avvocato, dopo gli studi in Giurisprudenza e Scienze Politiche[2] pubblica nel 1993 una raccolta di racconti, Indianapolis[3]. Nel 1998 esce il suo primo romanzo, La buona e brava gente della nazione[3], finalista del Premio Campiello nello stesso anno[4]. Nel 2000 passa con la casa editrice Rizzoli e pubblica i romanzi Il venditore di libri usati di fantascienza (2000), Dalla parte del fuoco (2003), che ottiene il Premio Bergamo[5] e Il labirinto delle passioni perdute (2006). Con quest'ultima opera viene selezionato per la seconda volta tra i finalisti del premio Campiello, nel 2007.[6]'

OpereModifica

  • Indianapolis (Transeuropa Edizioni, 1993)
  • La buona e brava gente della nazione (Baldini Castoldi Dalai Editore, 1998)
  • Il venditore di libri usati di fantascienza (Rizzoli, 2000)
  • Dalla parte del fuoco (Rizzoli, 2003)
  • Il labirinto delle passioni perdute (Rizzoli, 2006)
  • Ragazze del nordest (con Marco Franzoso; Marsilio Editori, 2010)
  • Bea vita! Crudo Nordest; (Laterza, 2010)
  • Effetto Domino (Einaudi, 2015)

NoteModifica

  1. ^ Progetto Under 25, Centro di documentazione Pier Vittorio Tondelli, comune di Correggio. URL consultato il 20 giugno 2020.
  2. ^ Biografia Romolo Bugaro, zam.it, su zam.it, 3 aprile 2010.
  3. ^ a b Maltese narrazioni, intervista a Romolo Bugaro, su bookcafe.net. URL consultato il 03-04-2010 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2010).
  4. ^ Premio Campiello, opere premiate nelle precedenti edizioni, su premiocampiello.org, 3 aprile 2010.
  5. ^ RACCOLTA PREMIO NAZIONALE DI NARRATIVA BERGAMO, su legacy.bibliotecamai.org. URL consultato il 7 maggio 2019.
  6. ^ Premio Campiello - I Finalisti della XLV edizione, su premiocampiello.org, 3 aprile 2010.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN52915824 · ISNI (EN0000 0000 6302 3411 · SBN IT\ICCU\LO1V\135833 · LCCN (ENn00022330 · BNF (FRcb13555081h (data) · BNE (ESXX1670982 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n00022330