Rotonda di San Lorenzo

chiesa di Mantova
Rotonda di San Lorenzo
20110720 Rotonda di San Lorenzo 3607.jpg
La facciata
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàMantova
ReligioneCattolica
Diocesi Mantova
Stile architettonicoromanico
Inizio costruzione1083
CompletamentoXI secolo

Coordinate: 45°09′29″N 10°47′40″E / 45.158056°N 10.794444°E45.158056; 10.794444

Piazza delle Erbe prima della rimozione delle case che coprivano la Rotonda di San Lorenzo
Rotonda di San Lorenzo dopo la scoperta e prima del restauro

La rotonda di San Lorenzo è una chiesa di Mantova, ubicata in piazza Erbe ed eretta nell'XI secolo.

Questa voce riguarda la zona di:
Piazza delle Erbe
Visita il Portale di Mantova

StoriaModifica

L'anno 1083, anche se scritto sull'intonaco in epoca successiva, potrebbe essere l'anno d'edificazione. La tradizione la vuole edificata per desiderio di Matilde di Canossa, come evocazione della Anastasis (Resurrezione) di Gerusalemme, la rotonda costruita attorno al Santo Sepolcro, quindi idealmente collegabile alla reliquia del Sangue di Cristo ritrovato secoli prima a Mantova e ora conservato nella vicina cripta della basilica di Sant'Andrea.

In realtà, la struttura monoptero-periptera ed il suo posizionamento ad un livello inferiore di circa 150 cm da quello della adiacente piazza Erbe, oltre all'esistenza di due colonne e altri particolari costruttivi in pietra, suggeriscono che la chiesa fu realizzata recuperando o ricostruendo un precedente edificio romano, databile al IV secolo, probabilmente un tempio o una tomba tholos.

La chiesa, un notevole esempio di arte romanica, è articolata su una pianta centrale, completata da un'abside semicircolare, ed è caratterizzata da una galleria superiore che conserva lacerti di affreschi dei secoli XI-XII che rappresentano un raro esempio di pittura romanico-lombarda, di chiara scuola bizantina.

 
L'interno
 
Iscrizione riferita a Matilde di Canossa sulla Rotonda di San Lorenzo

Nel corso dei secoli l'edificio subì trasformazioni radicali; un suo progetto di trasformazione di Leon Battista Alberti (così come un altro di Giulio Romano) non ebbe seguito, fino alla sua definitiva sconsacrazione. Il tempio fu chiuso al culto nel 1579 su disposizione del duca Guglielmo Gonzaga.

Sconsacrata, la rotonda decadde abbastanza rapidamente: divenne prima un magazzino e poi, una volta scoperchiata, un cortile circolare ad uso privato sul confine del popoloso quartiere del ghetto ebraico mantovano.

Nel 1908 l'edificio fu espropriato e ne fu autorizzata la demolizione. Durante i lavori la Rotonda "riemerse" quasi integralmente: la chiesa fu liberata dalle sovrastrutture e dagli edifici che ne occludevano completamente la vista (la rotonda di San Lorenzo non è infatti visibile nelle vecchie foto della piazza). Dopo la ricostruzione della cupola (ispirata a quella della rotonda di San Tomè di Almenno San Bartolomeo), attorno al 1911, fu riconsacrata e riaperta al culto nel 1926 e consegnata alla Fraternita Domenicana che si assunse l'onere del suo restauro, della sua conservazione e della sua apertura al pubblico. La scalinata che consente di accedere alla chiesa fu costruita nel marzo 1939 e inaugurata il 21 aprile 1940, subendo nei decenni successivi marginali rimaneggiamenti come, ad esempio, adeguamenti alle norme di sicurezza vigenti.[1]

NoteModifica

  1. ^ Gilberto Scuderi, Rotonda di San Lorenzo: la scalinata compie 80 anni, in Gazzetta di Mantova, 22 aprile 2020, p. 40.

BibliografiaModifica

Arturo Calzona, La rotonda e il palatium di Matilde, Parma, Università degli Studi di Parma, 1991

Luciano Bertinelli - Achille Truzzi, La Rotonda di San Lorenzo in Mantova, Fraternita Domenicana, 1995 (seconda edizione)

Quaderno di San Lorenzo 1 - Quattro piccole chiese mantovane (San Simone e San Giuda, Santa Maria della Vittoria, Beata Vergine del Terremoto, Rotonda di San Lorenzo) a cura di Rodolfo Signorini e Rosanna Golinelli Berto, Mantova, Associazione per i Monumenti Domenicani, 2003

Quaderno di San Lorenzo 2 - Quattro chiese sussidiarie (Chiesa Palatina di Santa Barbara, San Maurizio, Santa Caterina della Ruota, Rotonda di San Lorenzo) a cura di Rosanna Golinelli Berto, Mantova, Associazione per i Monumenti Domenicani, 2004

Quaderno di San Lorenzo 3 - Quattro chiese trasformate (Santa Croce in Corte, Santissima Trinità, San Paolo nell’insula sacra, Rotonda di San Lorenzo) a cura di Rosanna Golinelli Berto, Mantova, Associazione per i Monumenti Domenicani, 2005

Stefano Scansani, Omnia Mantova. La guida, Mantova, Tre Lune, 2008

Altri progettiModifica