Apri il menu principale

Salicilismo

(Reindirizzamento da Salicismo)
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il salicilismo è una sindrome che si verifica in seguito all'assunzione di un eccesso di acido salicilico.

L'acido salicilico è di per sé un blando antinfiammatorio non steroideo (FANS), tuttavia il principio più noto ad esso correlato è l'acido acetilsalicilico, un FANS più potente. Quest'ultimo può essere deacetilato ad acido salicilico per reazione spontanea o a seguito di interazione con enzimi plasmatici (esterasi); può quindi esser anch'esso fonte di salicilismo.

Indice

DescrizioneModifica

Il salicilismo è uno stato di tossicità intermedio, si verifica infatti per dosi superiori a quelle comunemente usate in terapia (a cui sono associati i primi effetti collaterali, come l'ulcera gastrica e l'asma da aspirina, tipici negli individui predisposti) ma per dosi nettamente inferiori a quelle che portano agli eventi più gravi (epatotossicità, insufficienza renale, tossicità pancreatica). I sintomi del salicilismo sono nausea, vomito, acufeni (o tinnito) e vertigini.

TrattamentoModifica

In genere è sufficiente abbassare la dose del farmaco senza sospendere la terapia, se la sindrome persiste si cerca un farmaco alternativo.

Voci correlateModifica

FontiModifica

Farmacologia Generale e Clinica, 9ª edizione, B.G. Katzung