Salland

regione dei Paesi Bassi
Mappa del Salland
Bandiera dell'ufficio idrografico del Salland
Fattorie nel Salland

Il Salland (in basso sassone: Sallaand) è una regione non amministrativa del nord-est dei Paesi Bassi, che occupa la parte settentrionale, la parte nord-occidentale, la parte nord-orientale e la parte occidentale della provincia dell'Overijssel.

EtimologiaModifica

Il nome della regione deriva dal popolo germanico dei Franchi Sali.[1]

GeografiaModifica

CollocazioneModifica

Il Salland confina ad est con il Land tedesco della Renania Settentrionale-Vestfalia e ad ovest con il corso del fiume IJssel e si trova tra le regioni della Twente e di Kop van Overijssel.[1][2]

ComuniModifica

Si trovano nel Salland i seguenti comuni[2]:

GeologiaModifica

L'area si formò nell'Olocene.[1]

Nel tardo periodo delle glaciazioni, si formarono invece le colline della zona.[1]

StoriaModifica

La regione era certamente abitata già sin dagli inizi del Medioevo.[1]

I Franchi Sali, il popolo germanico da cui - come detto - deriva il nome della regione, vi si stabilirono alla fine dell'epoca romana.[1] Di questo popolo sono stati rinvenuti numerosi resti di capanne e fattorie a Heeten.[1]

Intorno all'anno 1000, è probabile che siano sorti i primi veri e propri centri abitati della regione.[1]

Nel 1308 furono realizzate numerose dighe lungo la sponda orientale del fiume IJssel.[1]

 
Mappa del Salland (1757)

Nella seconda metà del XX secolo, furono intraprese nel Salland delle ricomposizioni fondiarie, che permisero il miglioramento dei prodotti agricoli.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j (NL) Salland (PDF), Cultuur Erfgoed. URL consultato il 23 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2016).
  2. ^ a b (NL) Salland, Plaatsengids. URL consultato il 23 novembre 2016.

Altri progettiModifica

  Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Paesi Bassi