Apri il menu principale

Sarcofago di Alessandro

sarcofago di un re fenico, conservato nel Museo Archeologico di Istanbul
Il sarcofago di Alessandro.
Una raffigurazione di uno dei lati lunghi del sarcofago: Alessandro sconfigge i Persiani.
Ricostruzione a colori di uno dei lati corti del sarcofago.

Il sarcofago di Alessandro è un sarcofago ellenistico del tardo IV secolo a.C. (datato solitamente al 310 a.C. circa), adornato con altorilievi intrisi di propaganda dinastica. L'opera è molto ben conservata ed è rinomata per gli alti contenuti estetici; ritrovata a Sidone, nel Libano attuale, ora è uno dei pezzi di maggior pregio dei musei archeologici di Istanbul.

Indice

Scoperta e identificazioneModifica

Il sarcofago di Alessandro è uno dei quattro sarcofagi figurati, datati al V e IV secolo a.C., scoperti durante gli scavi effettuati da Osman Hamdi Bey e Yervant Voskan nel 1887 presso la necropoli di Sidone, all'interno di un ipogeo appartenuto probabilmente ad una famiglia principesca.

Dalla fine del XIX secolo l'opera è stata riconosciuta come il sarcofago di Abdalonimo, divenuto re di Sidone tra il 333 e il 332 a.C. Alessandro il Grande compare a cavallo all'estremità di una delle scene sui lati lunghi, che è stata interpretata come la battaglia di Isso; all'estremità opposta si è talvolta voluto vedere Antigono Monoftalmo. La scena di caccia rappresentata sul lato opposto sarebbe tesa all'esaltazione della riconciliazione greco-persiana e vedrebbe come protagonisti un re persiano attaccato da un leone e il figlio di Antigono, Demetrio Poliorcete, che accorre in sua difesa.[1]

Descrizione e stileModifica

Il sarcofago è in marmo pentelico e conserva alcune minime tracce di policromia. La decorazione del coperchio a doppio spiovente deriva il proprio stile dalle coeve opere di toreutica e può trovare un confronto con i cofanetti metallici delle tombe macedoni a Verghina. Le scene figurate comprendono scene di guerra sui timpani del coperchio e scene di caccia e di guerra sui lati del cofano.

La qualità, già intrisa di classicismo, delle parti figurate rimanda ad originali pittorici più che scultorei.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Jean Charbonneaux, Roland Martin; François Villard, La Grecia ellenistica : 330-50 a.C., Milano, Rizzoli, 1985. ISBN non esistente
  • Antonio Giuliano, Arte greca : Dall'età classica all'età ellenistica, Milano, Il saggiatore, 1987, pp. 936-940. ISBN non esistente
  • Kathleen Kuiper (a cura di), Ancient Greece: From the Archaic Period to the Death of Alexander the Great, New York, Britannica Educational Pub. in association with Rosen Educational Services, 2010, p. 176, ISBN 978-1-61530-120-1.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN198110105 · GND (DE4141822-0