Sciuscià (fumetto)

Sciuscià
serie regolare a fumetti
Lingua orig.italiano
EditoreEditrice Torelli
1ª edizione22 gennaio 1949 – 14 aprile 1953
Albi326 (completa) suddivisi in tre serie

Sciuscià è una serie a fumetti italiana di genere avventuroso pubblicata dall'Editrice Torelli dal 1949 al 1956. Scritto dall'editore e sceneggiatore Tristano Torelli e da Renzo Barbieri, fu il primo e più importante esempio di fumetto neorealista.[1][2][3] Ambientata in Italia subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, la serie racconta le avventure del giovane lustrascarpe napoletano Nico e dei suoi amici.[2] Fu uno dei principali successi dell'editore.[4][5]

Storia editorialeModifica

La serie esordì il 22 gennaio 1949 con testi di Tristano Torelli e illustrazioni di Ferdinando Tacconi e ottenne un successo immediato. In seguito la serie venne affidata a Gianna Arguissola e Renzo Barbieri come autori delle storie e a Franco Paludetti e Gianluigi Coppola come disegnatori.[3][6][7] Gli albi venivano pubblicati nel formato a striscia caratteristico dell'epoca e ospitavano un episodio autoconclusivo.[3][8][9] Inizialmente ricche di elementi realistici, le storie gradualmente persero originalità e credibilità, con il gruppo di adolescenti inviati in improbabili missioni in Africa, Cina o Canada, e la qualità nonché il successo commerciale della serie cominciarono a declinare.[8] La serie venne chiusa nell'aprile del 1953, tuttavia nuovi episodi della serie continuarono ad essere pubblicati in appendice a Il Piccolo Sceriffo fino al 1956.[3]

La serie è stata brevemente riesumata nel 1965 nella rivista a fumetti Commandos, con nuove storie ancora scritte da Torelli e illustrate da Lina Buffolente.[3] La serie ha anche ispirato un romanzo, Sciuscià (1952), scritto da Tristano Tirelli e Gianna Arguissola.[3][8]

NoteModifica

  1. ^ FFF - SCIUSCIÀ, su www.lfb.it. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  2. ^ a b Sciuscià personaggio, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  3. ^ a b c d e f Gianni Bono, Sciuscià, in Guida al fumetto italiano, Epierre, 2003, pp. 1691–4.
  4. ^ Gianni Bono, Torelli, Tristano, in Enciclopedia Mondiale del Fumetto, Editoriale Corno, 1978, p.625.
  5. ^ Giada Sponzilli, Il mito del supereroe: Dal fumetto al cinema italiano contemporaneo, Edizioni Mediterranee, 2017.
  6. ^ FFF - Testate, SCIUSCIÀ, su www.lfb.it. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  7. ^ Sciuscià serie, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  8. ^ a b c Luciano Secchi. "Sciuscià". Enciclopedia Mondiale del Fumetto. Editoriale Corno, 1978. p.625.
  9. ^ Franco Fossati, Sciuscià, in Dizionario Illustrato del Fumetto, Mondadori, 1992, pp. 231–2, ISBN 88-04-35544-1.

BibliografiaModifica

  • Gianni Bono, Enciclopedia Mondiale del Fumetto, Editoriale Corno, 1978.
  • Gianni Bono, Guida al fumetto italiano, Epierre, 2003.
  • Giada Sponzilli, Il mito del supereroe: Dal fumetto al cinema italiano contemporaneo, Edizioni Mediterranee, 2017.
  Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti