Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Littera antiqua" rimanda qui. Se stai cercando il carattere a stampa, vedi Antiqua.
Poggio Bracciolini firma la sua trascrizione di Cicerone (1425).
Pagina dal Libro delle ore di Giovanni II Bentivoglio (Bologna, circa 1497-1500), minuscola umanistica con decorazioni.

La scrittura umanistica fu la grafia dell'alfabeto latino propria del periodo umanistico ed è il frutto di un'elaborazione cosciente da parte degli intellettuali del Tre-Quattrocento per reazione alla scrittura gotica.

StoriaModifica

Fu Francesco Petrarca a proporre per primo il superamento della scrittura del suo tempo. Giudicando la scrittura gotica artificiosa e faticosa da leggere[1], suggerì un tipo di scrittura che si rifacesse alla minuscola carolina, a suo avviso più sobria, elegante e gradevole alla lettura. Affinché i documenti fossero più comprensibili, occorreva in qualche modo staccare le lettere l'una dall'altra, allargare gli spazi tra le parole e distanziare le righe.[2]

Nel XV secolo gli umanisti (in particolare Poggio Bracciolini e Niccolò Niccoli) realizzarono la scrittura proposta dal Petrarca. Ammiratori della cultura classica, il loro intendimento era legare il presente con il passato e mantenere viva l'eredità intellettuale degli antichi. Adottarono come modello la scrittura minuscola carolina, che ritenevano fosse utilizzata dagli antichi, la perfezionarono e ne ottennero una "minuscola umanistica rotonda", che chiamarono littera antiqua. Tuttavia la scrittura umanistica non si sviluppò in maniera omogenea in Italia. Alcune zone della penisola come il ducato di Milano (dove vigeva la longobarda) e il Regno di Napoli (dove vigeva la gotica) la recepirono più tardi, verso la fine del secolo. Nella seconda metà del Cinquecento ebbe una diffusione in tutt'Europa, tranne che nell'area Germanica, dove il gotico (Fraktur) rimase in voga ancora per altri secoli.

Importanza nella storia della stampaModifica

A partire dagli anni sessanta del XV secolo si diffuse in Italia l'arte della stampa a caratteri mobili, importata dalla Germania. I tipi di carattere furono disegnati sul modello della scrittura in uso all'epoca: gotica in ambito germanico e umanistica in ambito italiano. La stampa inizialmente ebbe un peso per la diffusione di questa scrittura . Nel corso del XVI secolo tuttavia le stampe divennero sempre più semplici e la scrittura umanistica si semplificò fino a trasformarsi nell'odierna scrittura scolastica. I variopinti capilettera tipici della scrittura gotica e della prima scrittura umanistica scomparvero nel corso del secolo, sostituiti da capitali rustiche essenzialmente monocromatiche.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Stephen Greenblatt, Il manoscritto, Milano, Rizzoli, 2012.
  • Armando Petrucci, Breve storia della scrittura latina, Bagatto Libri, Roma 1992, pp. 162-173

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4160778-8