Segno di Macewen

Il segno di Macewen o segno Macewen (/m ə k JU ɪ n /) è un segno utilizzato per aiutare a diagnosticare idrocefalo[1] (quadro clinico caratterizzato da un eccesso di liquido cerebrospinale) e ascessi cerebrali. La percussione del cranio vicino alla giunzione delle ossa frontale, temporale e parietale produce un suono crepitante. Il test positivo è un'indicazione di suture separate. Ciò è dovuto all'aumento della tensione intracranica.

Il segno fu scoperto e descritto da sir William Macewen (1848-1924), un chirurgo e professore dell'Università di Glasgow, in Scozia, che descrisse anche l'operazione di Macewen per l'ernia inguinale.

Differenze con il segno di McEwanModifica

Il segno di McEwan nell'intossicazione da alcol è differente dal segno di Macewen: Le pupille si contraggono, ma la stimolazione dolorosa esterna della persona (ad esempio pizzicando o schiaffeggiando) provoca la dilatazione della pupilla seguita da una costrizione lenta. È suggestivo di coma alcolico.[2]

NoteModifica

  1. ^ Joseph G. Regan, A CLINICAL CONSIDERATION OF MACEWEN'S SIGN: ESPECIALLY WITH REFERENCE TO ITS USE IN POLIOMYELITIS, in American Journal of Diseases of Children, vol. 16, n. 1, July 1, 1918, pp. 13–22, DOI:10.1001/archpedi.1918.01910130020002.
  2. ^ (EN) Dr Daya Choudhary, Copia archiviata, su DoctorAlerts, 15 giugno 2018. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2020).