Apri il menu principale
Schema di una somministrazione di farmaco attraverso un serbatoio di Ommaya

Un serbatoio di Ommaya è un sistema costituito da un catetere intraventricolare che può essere utilizzato per l'aspirazione del liquido cerebrospinale o per la somministrazione di farmaci (ad esempio chemioterapici) direttamente nel liquido cerebrospinale. Il sistema è composto da un catetere posto in un ventricolo e collegato ad un serbatoio impiantato sotto il cuoio capelluto. Viene utilizzato per il trattamento di tumori cerebrali, leucemie e linfomi, malattie leptomeningea per mezzo della somministrazione intratecale di farmaci. Nelle cure palliative di un tumore in fase terminale, un serbatoio di Ommaya può essere inserito per la somministrazione di morfina.[1]

Durante la procedura di impianto, vi è un basso rischio di sanguinamento e un rischio di infezione stimabile fino al 20%[2] , nonché un rischio dovuto all'anestesia generale.[3]

È stato originariamente inventato nel 1963 da K. Ommaya Ayub, un neurochirurgo pakistano.[4]

Indice

NoteModifica

  1. ^ Leonidas C. Goudas et al.: Acute Decreases in Cerebrospinal Fluid Glutathione Levels after Intracerebroventricular Morphine for Cancer Pain, International Anesthesia Research Society 1999
  2. ^ U. Schlegel, H. Pels; A. Glasmacher; R. Kleinschmidt; I. Schmidt-Wolf; C. Helmstaedter; K. Fliessbach; M. Deckert; D. Van Roost; R. Fimmers; U. Bode, Combined systemic and intraventricular chemotherapy in primary CNS lymphoma: a pilot study., in J Neurol Neurosurg Psychiatry, vol. 71, nº 1, luglio 2001, pp. 118-22, PMID 11413277.
  3. ^ P. Berlit: Therapielexikon Neurologie. Verlag Springer, 2005, ISBN 3-540-671374 S. 939.
  4. ^ (EN) Ayub Khan Ommaya, The Lancet. URL consultato il 12 gennaio 2013.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina