Apri il menu principale

Servizio permanente effettivo

Servizio permanente effettivo (SPE) indica un rapporto di servizio prestato dalla categoria ufficiali delle forze armate italiane. Tale rapporto - incompatibile con altre attività di lavoro dipendente ed in generale con la libera professione - è disciplinato dal libro IV del codice dell'ordinamento militare.[1]

CaratteristicheModifica

Sono definiti in "SPE" solo gli ufficiali del ruolo normale e del ruolo speciale delle forze armate. Il carattere “permanente”, che va distinto dall'indeterminato, evidenzia stabilità e continuità che non presuppongono necessariamente un impiego stabile e continuativo, potendo mantenersi anche in una fase di quiescenza come il congedo militare. I vertici della stessa forza armata, possono valutare situazioni di non idoneità agli uffici del grado o di scarso rendimento, o ancora di dimissioni d’autorità, come presupposti per la cessazione d’ufficio dal servizio.[2] Il passaggio da ufficiale di complemento a ufficiale in SPE avveniva in passato anche per meriti di guerra.

La mancata idoneità psico-fisica al servizio militare incondizionato può essere causa di temporanea sospensione dal servizio (l’aspettativa per infermità) o di definitiva interruzione del rapporto di servizio. Nel caso di interruzione volontaria non si parla poi di dimissioni, ma di proscioglimento dalla ferma che può essere fisposta d'ufficio o a domanda, a seconda dei casi.

NoteModifica

Voci correlateModifica