Apri il menu principale

Categoria ufficiali

ComposizioneModifica

È possibile accedervi sia da concorso interno (come nel caso degli ufficiali in ferma prefissata) o partecipando a concorso aperto anche ai civili. Il personale può essere raggruppato in tre categorie:

Status giuridicoModifica

La normativa militare prevede transiti di personale dal ruolo speciale al ruolo normale, per concorso riservato ai tenenti e capitani possessori di laurea, o dal ruolo normale al ruolo speciale per perdita dei requisiti, mancato o ritardato conseguimento della laurea prevista o a domanda.

Gli appartenenti al ruolo normale hanno maggiori possibilità di frequentare i corsi di alta formazione e di staff, anche per via del conseguimento della laurea magistrale e quindi più facilmente raggiungono i più alti incarichi previsti. Infatti l'iter di carriera degli ufficiali appartenenti al ruolo speciale si arresta al massimo al grado di Colonnello, essendo per essi precluso il grado di ufficiale Generale.

Gli ufficiali reclutati a nomina diretta sviluppano la propria carriera limitatamente ai Corpi tecnici di destinazione e ai propri ambiti di impiego.

La categoria ufficiali è composta da generali e ammiragli (anche detti ufficiali generali), ufficiali superiori e ufficiali inferiori.

ClassificazioneModifica

Ufficiali generaliModifica

Gli ufficiali generali sono i gradi contrassegnati, nello Stanag NATO, da tutte le sigle a partire dalla OF-6 fino alla OF-10. Nella gerarchia militare italiana, corrispondono ai gradi di generale di brigata, generale di divisione, generale di corpo d'armata, generale di corpo d'armata con incarichi speciali e generale (capo di stato maggiore della difesa).

Per l'Aeronautica Militare la definizione si applica agli equivalenti generale di brigata aerea, generale di divisione aerea, generale di squadra aerea, generale di squadra aerea con incarichi speciali e generale (capo di stato maggiore della difesa).

Per la Marina Militare la definizione si applica agli equivalenti contrammiraglio, ammiraglio di divisione, ammiraglio di squadra, ammiraglio di squadra con incarichi speciali e ammiraglio (capo di stato maggiore della difesa).

Ufficiali superioriModifica

Gli Ufficiali superiori sono i gradi che corrispondono nello Stanag NATO agli OF-3, OF-4 e OF-5, cioè, nella gerarchia militare italiana, ai gradi di maggiore, tenente colonnello e colonnello.

Per la Marina Militare la definizione si applica agli equivalenti capitano di corvetta, capitano di fregata e capitano di vascello.

Nelle forze armate italiane, gli ufficiali superiori possono assumere incarichi di staff negli stati maggiori, oppure, quando maggiori o tenenti colonnelli, il comando di unità di livello battaglione nell'Esercito Italiano e nell'Arma dei Carabinieri e di gruppo di volo nell'Aeronautica Militare. Con il grado di colonnello, possono assumere il comando di unità a livello di reggimento (o stormo, per l'aeronautica).

Nella Marina Militare, gli ufficiali superiori con il grado di capitano di corvetta, possono assumere il comando di unità di piccolo dislocamento, come i sottomarini. Con il grado di capitano di fregata, possono essere messi al comando di unità di medie dimensioni come le fregate, mentre con il grado di capitano di vascello, assumono il comando delle unità maggiori come le portaerei e i cacciatorpediniere.

Nell'Esercito Italiano è previsto che un colonnello, secondo determinate caratteristiche, possa assumere incarichi o funzioni da generale di brigata indossando una specifica insegna.

Ufficiali inferioriModifica

Gli ufficiali inferiori sono i gradi che corrispondono nello Stanag NATO agli OF-1 e OF-2, cioè, nella gerarchia militare italiana, ai gradi di Sottotenente, Tenente e Capitano.

Nella Marina Militare i gradi citati assumono i nomi di Guardiamarina e Sottotenente di Vascello per l'OF-1 e di Tenente di Vascello per l'OF-2.

Gli ufficiali inferiori nel grado di sottotenente/guardiamarina di norma completano l'iter formativo presso le accademie e gli istituti militari se appartenenti al ruolo normale, mentre se appartenenti al ruolo speciale o al complemento vengono impiegati in attività di staff. Nel grado di tenente gli Ufficiali dell'Esercito e dei Carabinieri comandano unità di livello plotone e in alcuni casi unità di livello compagnia, oltre ad essere impiegati in attività di stato maggiore. Nel grado di Capitano gli ufficiali dell'Esercito e dell'Arma comandano delle compagnie, nell'aeronautica comandano una squadriglia, mentre in Marina Militare frequentano il corso da comandanti ricevendo il primo incarico di comando su unità navali minori.

Tabella riassuntiva dei gradi e degli avanzamentiModifica

Ufficiali subalterni
Stato di servizio Esercito Italiano Marina Militare Aeronautica Militare Arma dei Carabinieri Guardia di Finanza
Dopo due anni

di accademia[1]

Sottotenente
Guardiamarina



Sottotenente
Sottotenente Sottotenente
Dopo due anni
nel grado inferiore.
Tenente
Sottotenente di vascello



Tenente
Tenente Tenente
Ufficiali inferiori
Dopo quattro anni
nel grado inferiore per l'Arma dei Carabinieri e per il Corpo della Guardia di Finanza; dopo cinque anni nel grado inferiore per l'Esercito, la Marina e l'Aeronautica.
Capitano
Tenente di vascello


Capitano
Capitano Capitano
Ufficiali superiori
Dopo sette anni
nel grado inferiore[2]. L'avanzamento è "a scelta".
Maggiore
Capitano di Corvetta


Maggiore
Maggiore Maggiore
Dopo quattro anni
nel grado inferiore
Tenente colonnello
Capitano di Fregata


Tenente colonnello
Tenente colonnello Tenente colonnello
Dopo quattro anni
nel grado inferiore[3]. L'avanzamento è "a scelta".
Colonnello
Capitano di Vascello

Colonnello
Colonnello Colonnello
Ufficiali generali
Generale di Brigata
Contrammiraglio


Generale di brigata aerea
Generale di brigata Generale di brigata
Generale di Divisione
Ammiraglio di divisione

Generale di divisione aerea
Generale di divisione Generale di divisione
Generale di corpo d'armata
Ammiraglio di squadra

Generale di squadra aerea
Generale di corpo d'armata Generale di corpo d'armata
Generale di corpo d'armata
(con incarichi speciali)[4]

Ammiraglio di squadra
(con incarichi speciali)[5]

Generale di squadra aerea
(con incarichi speciali)[6]
Generale di corpo d'armata
comandante generale
dell'Arma dei Carabinieri
Generale di corpo d'armata
comandante generale
della Guardia di Finanza
Generale[7]
Ammiraglio[7]

Generale[7]
Non previsto[8] Non previsto[8]

NoteModifica

  1. ^ Limitatamente al superamento dei prescritti esami finali.
    Nella Marina e nell'Aeronautica va utilizzata per il primo anno la qualifica di "Aspirante"
  2. ^ Dopo la frequenza del Corso Normale di Stato Maggiore o equivalente (Corso per Capitani in promozione, per la Guardia di Finanza)
  3. ^ Limitatamente ai frequentatori del corso di Superiore di Stato Maggiore o equipollente
  4. ^ Grado riservato al capo di stato maggiore dell'Esercito
  5. ^ Grado riservato al:
  6. ^ Grado riservato al capo di stato maggiore dell'Aeronautica Militare
  7. ^ a b c Grado riservato al militare nominato capo di stato maggiore della difesa
  8. ^ a b Non è consentito ad un militare dei Carabinieri o della Guardia di Finanza di ricoprire la carica di capo di stato maggiore della difesa.

Voci correlateModifica