Apri il menu principale
Shenzhen
fumetto
Titolo orig.Shenzhen
Lingua orig.francese
PaeseFrancia
TestiGuy Delisle
DisegniGuy Delisle
EditoreL'Association Ciboulette
1ª edizione2000
Albiunico

Shenzhen è un fumetto autobiografico in bianco e nero di Guy Delisle, scritto e pubblicato originariamente in francese. È un diario di viaggio su un periodo di tre mesi passato da Delisle a Shenzhen, una megalopoli contruita nel giro di 35 anni dalla Repubblica Popolare Cinese vicino ad Hong Kong. Delisle vi si reca a fare da coordinatore tra la casa belga di produzione di animazioni Dupuis e uno studio cinese in cui animatori cinesi disegnano lungometraggi per bambini (Papyrus) partendo dallo Storyboard in francese. Il fumetto racconta delle difficoltà a gestire il lavoro di coordinamento con lo studio cinese e dello shock culturale di un occidentale in questa megalopoli cinese orientata al profitto.

Indice

TramaModifica

La storiaModifica

Delisle viene mandato a Shenzhen per coordinare un progetto di animazione, e passa tre mesi al Great Wall Hotel. Diversamente da Hong Kong, a Shenzhen non ci sono molti Cinesi bilingui e di conseguenza ha diversi problemi di comunicazione durante il suo soggiorno, compresi quelli con gli interpreti al lavoro. Spesso per comunicare deve ricorrere ai disegni o ai gesti. Dato che la principale attività di svago in città è lo shopping, Delisle cerca di leggere libri, lavora per la rivista Lapin de L'Association, e compra libri artistici cinesi (disegni di bambini, Wang Chi Yun, Hu Buo Zhong). Trova una copia di Théodore Poussin e scopre che Spirou, che amava da piccolo, non è più divertente. Tra le esperienze che fa durante il suo soggiorno a Shenzhen c'è una visita da un dentista cinese per curarsi un mal di denti ma, dopo aver visto le condizioni poco igieniche dello studio dentistico, è molto sollevato allo scoprire che si tratta solo di un caso di mesializzazione.

I personaggi e i temiModifica

Principalmente Delisle racconta dettagli del quotidiano durante la sua permanenza a Shenzhen. Ci sono meno commenti politici rispetto a suoi fumetti posteriori come Pyongyang. A proposito dell'Esodo dalle campagne cinese Delisle lo paragona alla Divina Commedia, con la campagna cinese paragonata all'Inferno, gli Stati Uniti paragonati al Paradiso e le grandi città cinesi, Shenzhen, e Hong Kong paragonate ai cerchi intermedi. I suoi cognoscenti di lingua cinese lo portano a provare la cucina cinese. Trova Canton e Hong Kong più interessanti di Shenzhen. L'unica attrazione turistica che visita in città è Window of the World, dato che i suoi amici cinesi non sono interessati a vedere Splendid China. Fa un pranzo di Natale con un animatore cinese che, sebbene sia un fan di Rembrandt ha solo una foto in bianco e nero di Betsabea con la lettera di David.

Edizioni italianeModifica

Le ristampe italiane del fumetto includono le seguenti edizioni:

  • Shenzhen, Edizioni Fusi Orari, 2007, 152 pagine in bianco e nero, formato 16,5 x 23,5, ISBN 9788889674253.
  • Shenzhen, Edizioni Rizzoli Lizard, 2014, 150 pagine in bianco e nero, formato 17 x 24, ISBN 9788817072823.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Shenzhen, Edizioni Fusi Orari, 2007, 152 pagine in bianco e nero, formato 16,5 x 23,5, ISBN 9788889674253.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti