Sigismondo de' Conti

storico italiano

Sigismondo de' Conti (Foligno, 1432Roma, 23 febbraio 1512) è stato un umanista e storico italiano.

Sigismondo de' Conti in un particolare della Madonna di Foligno di Raffaello.

Biografia

modifica

Nato da Astorello de' Conti nel 1432, fu allievo di Ermolao Barbaro, Paolo Cortesi e Teodoro Gaza. Umanista, lavorò nella cancelleria papale dal pontificato di Paolo II (1463-1471) a quello di Giulio II (1502-1513), ottenendo grandi privilegi personale e venendo anche nominato gonfaloniere della sua città natale procurando, per i suoi concittadini, vari sgravi di natura fiscale. Poeta in lingua latina com'era di costume in quel tempo (fece parte dell'Accademia Romana fondata e guidata da Pomponio Leto), Sigismondo ebbe modo di conoscere il letterato e futuro cardinale Pietro Bembo, del quale divenne sincero amico. Dal punto di vista letterario, oltre alla produzione latina in rima, sono da ricordare le Historiae suorum temporum in 27 libri, pubblicate soltanto per la prima volta nel 1853. Morì nella capitale della cristianità nel 1512 e fu sepolto nella chiesa di Santa Maria in Aracoeli. Fu inoltre amico di Raffaello, al quale commissionò la Madonna di Foligno[1].

  1. ^ La seguente voce è stata elaborata a partire dalla voce curata da Ricciardi nel Dizionario biografico degli italiani e da quella di Degli Azzi Vitelleschi nell'Enciclopedia italiana.

Bibliografia

modifica

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN79261524 · ISNI (EN0000 0001 0919 3185 · BAV 495/10445 · CERL cnp00344207 · LCCN (ENn85342383 · GND (DE10315860X · BNF (FRcb17039913r (data) · J9U (ENHE987007459066905171
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie