Apri il menu principale
San Simone bar Sabbae
Simeon Barsabae.jpg
 

vescovo

 
Morte341
Venerato datutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza21 aprile
Simone bar Sabbae
vescovo
Simeon Barsabae.jpg
Incarichi ricopertivescovo di Seleucia-Ctesifonte
 
Elevato patriarcacirca 335
Decedutocirca 341
 

Simone bar Sabbae, (Shem'on bar Ṣabba'e) (... – ca. 341), è stato un vescovo siriaco, vescovo di Seleucia-Ctesifonte dal 335 circa al 341 circa, morto martire durante le persecuzioni di Sapore II e venerato come santo da diverse Chiese cristiane.

Indice

BiografiaModifica

Già vescovo coadiutore di Papa bar Aggai dal 316, gli succedette sulla cattedra di Seleucia-Ctesifonte nel 335 circa. Quasi nulla si conosce della sua vita, ad eccezione degli Atti del suo martirio, avvenuto durante il regno del re persiano Sapore II. In quest'epoca l'impero persiano era in guerra contro i Romani; per finanziare la guerra, Sapore II aumentò le imposte che gravavano sulla popolazione cristiana.
Il rifiuto di Simone bar Sabbae di accondiscendere alle volontà del re fu interpretato come un tradimento; per questo motivo il vescovo di Seleucia-Ctesifonte fu messo a morte assieme a diverse migliaia di cristiani, noti come martiri persiani. Secondo gli Atti del suo martirio, Simone fu messo a morte un venerdì santo di un anno imprecisato dopo il 340/341.
La tradizione indica come giorno della sua morte venerdì 17 aprile 341[1].

CultoModifica

Simone bar Sabbae è venerato come santo da diverse Chiese e in diversi giorni:

NoteModifica

  1. ^ AA. VV. Bibliotheca sanctorum, vol. I, coll. 152, 153, 154, anno 1961.

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN129144782956404908815 · ISNI (EN0000 0004 5338 4511 · GND (DE1077612168
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie