Sindrome di Dubin-Johnson

malattia ereditaria caratterizzata da alterata escrezione attraverso la membrana canalicolare epatocitaria della bilirubina coniugata (diretta) e di altri anioni organici
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sindrome di Dubin-Johnson
Specialitàpediatria e epatologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM277.4
OMIM237500
MeSHD007566
MedlinePlus000242
eMedicine173517

La sindrome di Dubin-Johnson è una malattia ereditaria autosomico recessiva caratterizzata da alterata escrezione attraverso la membrana canalicolare epatocitaria della bilirubina coniugata (diretta) e di altri anioni organici. Il disturbo provoca un aumento isolato della bilirubina coniugata nel siero. Classicamente, la condizione provoca un fegato nero a causa della deposizione di un pigmento simile alla melanina.[1] Questa condizione è associata a un difetto nella capacità degli epatociti di secernere bilirubina coniugata nella bile ed è simile alla sindrome di Rotor. Di solito è asintomatica, ma può essere diagnosticata nella prima infanzia sulla base di test di laboratorio. Di solito non è necessario alcun trattamento.

PatofisiologiaModifica

L'iperbilirubinemia coniugata è il risultato di un errato trasferimento endogeno ed esogeno di coniugati anionici dagli epatociti nella bile [2] L'escrezione biliare della bilirubina coniugata o diretta è dovuta a una mutazione nella proteina di resistenza multipla ai farmaci 2 (MRP2). Un fegato con presenza di pigmenti scuri è dovuto a metaboliti di epinefrina polimerizzati, non dalla stessa bilirubina.[3]

DiagnosiModifica

Un tratto distintivo della sindrome di Dubin-Johnson è il rapporto insolito tra i sottoprodotti della biosintesi dell'eme :

  • I soggetti non affetti hanno un rapporto tra coproporfirina III e coproporfirina I circa 3-4: 1.
  • Nei pazienti con sindrome di Dubin-Johnson, questo rapporto è invertito, con la coproporfirina I 3-4 volte più alta della coproporfirina III. L'analisi delle porfirine delle urine mostra un livello normale di coproporfirina, ma l'isomero I rappresenta l'80% del totale (normalmente il 25%).

Per i primi due giorni di vita, i neonati sani hanno rapporti di coproporfirina urinaria simili a quelli osservati in pazienti con sindrome di Dubin-Johnson; entro 10 giorni di vita, tuttavia, questi livelli si convertono nel normale rapporto adulto.[4]

Nell'autopsia post mortem, il fegato avrà un aspetto rosa scuro o nero a causa dell'accumulo di pigmento.

Un'abbondante proteina canalicolare multipla resistente al farmaco provoca il trasferimento della bilirubina nei canali biliari. Un'isoforma di questa proteina è localizzata nella membrana apicale degli epatociti, consentendo il trasporto di glucuronide e coniugati di glutatione nel sangue. Alti livelli di gamma-glutamil transferasi (GGT) aiutano a diagnosticare patologie che coinvolgono l'ostruzione biliare.

Differenziazione dalla Sindrome di RotorModifica

La sindrome di Dubin-Johnson è simile alla sindrome di Rotor, ma può essere differenziata da:

Sindrome di Rotor Sindrome di Dubin-Johnson
Aspetto del fegato istologia e aspetto normali il fegato ha una pigmentazione nera
Aspetto della cistifellea la colecisti può essere visualizzata mediante colecistogramma orale la cistifellea non può essere visualizzata
Contenuto totale di coproporfirina nelle urine alto, con <70% di isomero 1 normale con > 80% di isomero 1 (l'urina normale contiene più isomero 3 che isomero 1)

È inoltre possibile eseguire un test dell'attività MRP2 per distinguere tra sindrome di Dubin-Johnson e sindrome di Rotor. Per determinare ciò negli anni passati, veniva utilizzata la clearance della bromosolftaleina, il cui test è chiamato test della clearance della bromosolftaleina. Nel caso della sindrome di Dubin-Johnson, la clearance della bromsulftalina avviene entro 90 minuti, mentre nel caso della sindrome di Rotor, la clearance è lenta, cioè impiega più di 90 minuti .[5]

Anatomia patologicaModifica

Il fegato si presenta macroscopicamente nerastro e all'esame microscopico si possono notare accumuli intracitoplasmatici (nei lisosomi) di pigmento la cui origine non è certa, trattasi forse di cataboliti dell'adrenalina.

ClinicaModifica

Clinicamente il paziente è asintomatico, talvolta può presentarsi ittero, da classificarsi come ittero epatico da iperbilirubinemia coniugata (diretta) con indici di colestasi normali.

TrattamentoModifica

La sindrome di Dubin-Johnson è una condizione benigna e non è richiesto alcun trattamento. Tuttavia, è importante riconoscere la condizione in modo da non confonderla con altri disturbi epatobiliari associati all'iperbilirubinemia coniugata che richiedono un trattamento o hanno una prognosi diversa.

PrognosiModifica

La prognosi è buona e il trattamento di questa sindrome di solito non è necessario. La maggior parte dei pazienti è asintomatica e ha una durata normale. Alcuni neonati presentano colestasi. I contraccettivi ormonali e la gravidanza possono portare a ittero evidenti (ingiallimento degli occhi e della pelle).[6]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Christian P. Strassburg, Hyperbilirubinemia syndromes (Gilbert-Meulengracht, Crigler-Najjar, Dubin-Johnson, and Rotor syndrome), in Best Practice & Research Clinical Gastroenterology, vol. 24, n. 5, 1º ottobre 2010, pp. 555–571, DOI:10.1016/j.bpg.2010.07.007. URL consultato il 2 aprile 2020.
  2. ^ https://emedicine.medscape.com/article/173517-overview#, su emedicine.medscape.com.
  3. ^ Kumar, Vinay (2007). Robbins Basic Pathology. Elsevier. p. 639..
  4. ^ (EN) Emilio Rocchi, Fiorella Balli e Paolo Gibertini, Coproporphyrin Excretion in Healthy Newborn Babies, in Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition, vol. 3, n. 3, 1984-06, pp. 402–407. URL consultato il 2 aprile 2020.
  5. ^ Candrian, Ruedi e Furrer, Merkel Cell Carcinoma, in Swiss Surgery, vol. 8, n. 5, 1º ottobre 2002, pp. 215–219, DOI:10.1024/1023-9332.8.5.215. URL consultato il 2 aprile 2020.
  6. ^ Dubin-Johnson Syndrome: Practice Essentials, Background, Pathophysiology and Etiology, 9 novembre 2019. URL consultato il 2 aprile 2020.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina