Apri il menu principale
Son Sen

Ministro della Difesa nazionale della Kampuchea Democratica
Durata mandato 15 gennaio 1976 –
7 gennaio 1979
Predecessore carica istituita
Successore Pen Sovan (come Ministro della Difesa nazionale della Repubblica Popolare di Kampuchea)

Vice-primo ministro della Kampuchea Democratica
insieme a Ieng Sary
Durata mandato 14 aprile 1976 –
7 gennaio 1979
Capo del governo Pol Pot

Dati generali
Partito politico Partito Comunista di Kampuchea
Partito della Kampuchea Democratica
Partito d'Unità Nazionale Cambogiano
Professione politico, rivoluzionario, Capo del Santebal
Son Sen
12 giugno 1930 – 10 giugno 1997 (66 anni)
Soprannome"Fratello Numero 89"
Nato aProvincia di Tra Vinh
Morto aAnlong Veng
Cause della morteassassinato
Dati militari
Paese servitoFlag of Democratic Kampuchea.svg Kampuchea Democratica
Forza armataForze armate nazionali di Liberazione del Popolo Cambogiano
(1968-1976)
Esercito Rivoluzionario della Kampuchea
(1976-1979)
Esercito nazionale della Kampuchea Democratica
(1979-1997)
Santebal
(1971-1979)
CorpoPolizia segreta
SpecialitàGuerriglia
Intelligence
Anni di servizio1968-1997
GradoGenerale
GuerreGuerra civile in Cambogia
Guerra cambogiana-vietnamita
Comandante diSantebal
Altre caricheMinistro della difesa della Kampuchea Democratica
Vice primo ministro della Kampuchea Democratica
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Son Sen (Provincia di Tra Vinh, 12 giugno 1930Anlong Veng, 10 giugno 1997) è stato un politico, rivoluzionario e generale cambogiano.

BiografiaModifica

Membro dei khmer rossi e stretto alleato di Pol Pot è stato capo della Santebal, la polizia segreta dei khmer rossi, dal 1975 al 1992 e in tale veste responsabile per la sicurezza di Pol Pot e degli alti membri del partito. Dal 15 gennaio 1976 al 7 gennaio 1979 è stato Ministro della Difesa della Kampuchea Democratica, il 10 giugno 1997 è stato fatto uccidere per ordine di Pol Pot con l'accusa di aver negoziato una tregua con il governo cambogiano. Tra i khmer rossi era conosciuto come il "fratello numero 89".