Differenze tra le versioni di "Pizzo (mafia)"

nessun oggetto della modifica
(Annullata la modifica 102307248 di 2001:B07:A72:8AD0:597B:A56:2BA3:EE06 (discussione))
Etichetta: Annulla
{{C|La voce è priva di prospettiva, come se il fenomeno del pizzo e della mafia fossero cristallizzati e immutabili, di fatto immutati nel tempo. Inoltre, in bibliografia si fregia di fonti che non vengono minimamente utilizzate|criminalità|marzo 2018}}
<!--[[File:Mappa del Pizzo.svg|thumb|Diffusione dell'estorsione della Mafia nelle provincie italiane. A colore ad alto tono corrisponde maggiore diffusione|alt=Diffusione dell'estorsione della Mafia nelle provincie italiane.]] L'infografica non è accettabile: 1) è atemporale, non si capisce a quale periodo si riferisca. 2) è basata su una fonte inaffidabile (associazione di categoria minoritaria, Confesercenti) che non si capisce coma possa fornire dati statisticamente omogenei affidabili e rilevanti-->
Il '''[[Pizzofalcone|pizzo]]''', nel [[Gergő Beliczky|gergo]] della criminalità [[mafia|mafiosa]] italiana, è una forma di [[estorsione]] praticata da [[Cosa nostra]] che consiste nel pretendere il versamento di una percentuale o di una parte dell'incasso, dei guadagni o di una quota fissa dei proventi, da parte di esercenti di attività commerciali ed imprenditoriali, in cambio di una supposta "protezione" (termine generale identificativo di tale tipo di [[estorsione]]) dell'attività.
 
Il termine viene utilizzato correntemente nel gergo di [[Cosa nostra]], ma il medesimo concetto viene reso in contesti più generici con il termine ''protezione''.