Estorre Visconti: differenze tra le versioni

Nel [[1407]] Estorre venne proclamato signore di Monza e fece coniare in una zecca cittadina una propria moneta, il ''grosso monzese'', recante la dicitura ''Hestor Vicecomes Modoetie''.
 
All'uccisione di Giovanni Maria (16 maggio [[1412]]), Estorre fu acclamato duca dal popolo milanese e rimase tale fino al giugno dello stesso anno. Sconfitto infatti da [[Filippo Maria Visconti|Filippo Maria]], fratello di Giovanni Maria, insieme alla sorella [[Valentina di Bernabò Visconti|Valentina]] si rifugiò a [[Monza]], dove l'8 agosto fu assediato dal [[Francesco Bussone|Carmagnola]].
Sconfitto infatti da [[Filippo Maria Visconti|Filippo Maria]], fratello di Giovanni Maria, insieme alla sorella [[Valentina di Bernabò Visconti|Valentina]] si rifugiò a [[Monza]], dove l'8 agosto fu assediato dal [[Francesco Bussone|Carmagnola]].
Qui, nel cortile del [[Castello di Monza|castello]], mentre era intento ad abbeverare il suo cavallo, una pietra scagliata a caso da una catapulta degli assedianti gli fratturò il collo del piede sinistro provocandone la morte per infezione dopo pochi giorni.
 
Utente anonimo