Differenze tra le versioni di "Mosè Maimonide"

Di fronte alla forte probabilità di finire giustiziati come apostati, i membri della sua famiglia fuggirono dal Maghreb estremo per raggiungere, toccando [[Acri (Israele)|Acri]], [[Hebron]] e [[Gerusalemme]], l'antica città del [[Cairo]], [[al-Fustat|al-Fustāt]].
 
In Egitto egli poté portare a compimento nel 1168 la prima versione del ''Mishneh Torah'' e, a seguito di numerosi eventi luttuosi che colpirono anche la sua famiglia, finire lo studio della medicina. Secondo la tradizione, è nel 1171 che assunse il ruolo di ''nagid'' (Principe, guida)<ref name="Nag"/> della locale comunità ebraica, assolvendo anche ai doveri connessi di trattare la liberazione per riscatto dei prigionieri musulmani, fatti prigionieri nel corso delle Crociate dell'epoca.</ref>La carica fu mantenuta da suo figlio Avraham Maimonide e dai loro discendenti fino al [[XIV secolo]]. Negli stessi anni compose anche opere minori di carattere dottrinario e nel 1180 ca. concluse definitivamente il ''Mishneh'', nella forma che possiede tutt'oggi, e dieci anni dopo ''[[La guida dei perplessi]]''.
 
[[File:Maimonides house in Fes.JPG|thumb|left|upright=0.9|La casa di Maimonide a [[Fès]], [[Marocco]]]]
122 067

contributi