Differenze tra le versioni di "Liceo ginnasio Giovan Battista Morgagni"

nessun oggetto della modifica
m (indicizzazione)
Etichetta: Modifica da mobile avanzata
 
== Storia ==
L'istituto ebbe diverse sedi e fu fondato nel [[1764]]<ref>{{collegamento interrotto|1=[http://www.romagnatoscana.org/index.php?title=Giornale_dell%27esposizione_agraria,_industriale_e_di_belle_arti_di_Forl%C3%AC_-_numero_1_-_8_ottobre_1871 Giornale dell'esposizione agraria, industriale e di belle arti di Forlì - numero 1 - 8 ottobre 1871] |date=marzo 2018 |bot=InternetArchiveBot }}</ref> da [[Vincenzo Cesarini-Mazzoni]], il quale volle lasciare un legato per il suo funzionamento. Il legatoginnasio decorsedoveva dalimpartire [[1777]]<ref>Ettorelezioni Casadei,anche ''Forlìdi eteologia, dintorni''filosofia, Societàmedicina Tipograficae Forlivese,diritto Forlìcivile 1928,e p. 342.canonico</ref>,S. morto il Cesarini-MazzoniMatteucci, allorquando l'Istituto'Memorie erastoriche notointorno comeai GinnasioForlivesi "Cesarini-Mazzoni". Nel [[1797]], il comune acquisì la gestionebenemeriti della scuola,umanità lae qualedegli si trasferìstudj...'', durantePietro la [[Restaurazione]]Conti, nelFaenza [[palazzo dei Signori della Missione]]1842, acquistatopp. nel [[1815]]; il palazzo divenne noto, in città, anche come palazzo degli Studi99-106. In questa sede, l'Istituto assunse il nome di [[Giovanni Battista Morgagni]] e divenne un regio liceo, col passaggio allo Stato</ref>.
 
Il legato decorse dal [[1777]]<ref>Ettore Casadei, ''Forlì e dintorni'', Società Tipografica Forlivese, Forlì 1928, p. 342.</ref>, morto il Cesarini-Mazzoni, allorquando l'Istituto era noto come Ginnasio "Cesarini-Mazzoni". Nel [[1797]], il comune acquisì la gestione della scuola, la quale si trasferì, durante la [[Restaurazione]], nel [[palazzo dei Signori della Missione]], acquistato nel [[1815]]; il palazzo divenne noto, in città, anche come palazzo degli Studi. In questa sede, l'Istituto assunse il nome di [[Giovanni Battista Morgagni]] e divenne un regio liceo, col passaggio allo Stato.
 
Nel [[1903]], vi giunse, per qualche giorno, in qualità di Regio ispettore scolastico, [[Giovanni Pascoli]]. Così lo incontrò per la prima volta l'allora studente e futuro poeta [[Aldo Spallicci]]<ref>{{collegamento interrotto|1=[http://casapascoli.it/2009/11/conversazioni-pascoliane/ ''Conversazioni pascoliane con Miro Gori''] |date=marzo 2018 |bot=InternetArchiveBot }}</ref>.
Utente anonimo