Geografia della Corea del Sud: differenze tra le versioni

 
==Morfologia==
Geologicamente, la Corea del Sud è costituita in gran parte da rocce precambriane (risalenti a oltre 540 milioni di anni fa) quali graniti e gneiss. Il Paese è prevalentemente montuoso, con piccole vallate e strette pianure costiere. I [[Monti Taebaek|monti T’aebaek]] corrono in direzione grossomodo nord-sud lungo la linealnea costiera orientale e si spingono verso nord fin nella Corea del Nord, formando la linea spartiacque del Paese. Da essi si diramano alcune catene montuose disposte lungo un asse nord-est/sud-ovest. La più importante tra queste è quella dei [[monti Sobaek]], che si snodano attraverso la penisola creando una sorta di «S» allungata. Nessuna montagna della Corea del Sud raggiunge altezze considerevoli: i monti T'aebaek culminano con i 1708 m del monte Sŏrak nel nord-est, e i [[monti Sobaek]] culminano con i 1915 m del [[Jirisan|monte Chiri]]. La cima più elevata della Corea del Sud, vale a dire il [[monte Halla]], un [[vulcano]] spento, sull'[[Jeju-do|isola di Cheju]], raggiunge i 1950 m sul livello del mare.
 
Alla Corea del Sud appartengono due isole vulcaniche - Cheju (Jeju), al largo dell'estremità meridionale della penisola, e [[Ulleungdo|Ullŭng]], circa 140 km a est del continente nel mare Orientale - e un altopiano di lava di dimensioni contenute nella provincia del [[Kangwon|Kangwŏn]]. Inoltre, la Corea del Sud rivendica e occupa un gruppo di isolette rocciose - note variamente come rocce di Liancourt, isole Tok (Dok; in coreano) o isole Take (in giapponese) - circa 85 km a sud-est dell'isola di Ullŭng; queste isolette sono rivendicate anche dal [[Giappone]].
Utente anonimo