Andrej Kirilenko: differenze tra le versioni

(Alcune correzioni)
 
==== Il lockout e l'annata agrodolce al CSKA ====
Durante l'estate 2011 i dirigenti [[NBA]] ed il sindacato giocatori non trovano l'accordo per rinnovare il contratto collettivo, e quindi i proprietari fanno partire la [[Serrata (lavoro)|serrata]] (lockout): man mano che il tempo avanza, e l'accordo non viene raggiunto, molti giocatori NBA cominciano ad accettare le lusinghe delle squadre non NBA per andare a giocare all'estero; Kirilenko, il cui contratto con i Jazz era scaduto il 1º giugno 2011 (dopo dieci stagioni coi Jazz), rendendolo un unrestricted free-agent, è tra i giocatori più richiesti. Il 4 ottobre viene annunciato l'ingaggio di Kirilenko da parte del suo vecchio team in russia, il [[CSKA Mosca]], per tre anni: il contratto prevede una clausola per ritornare in NBA non appena la serrata terminasse ed inoltre, consentiva al russo di terminarlo alla fine di ciascuna delle stagioni col CSKA; Kirilenko decide inoltre di devolvere in beneficenza tutti i soldi che guadagnerà durante la sua permanenza in a Mosca.<br />
Il 31 dicembre, pochi giorni dopo che la stagione NBA è finalmente ripartita, viene confermato che il russo resterà coi moscoviti anche per il resto della stagione 2011–12. A [[Mosca (Russia)|Mosca]] Kirilenko trova uno squadrone, sotto la guida di [[Jonas Kazlauskas]], deciso a vincere il decimo campionato russo consecutivo, a riconquistare la lega VTB ma soprattutto tornare sul tetto d'Europa. A questo scopo oltre al fenomeno Kirilenko vengono ingaggiati il play [[Miloš Teodosić]] e l'ex [[Centro (pallacanestro)|centro]] [[NBA]] [[Nenad Krstić]], che si aggiungono ai già ottimi giocatori presenti dall'annata precedente, quali [[Viktor Chrjapa|Chrjapa]], [[Aleksej Šved|Šved]], [[Ramūnas Šiškauskas|Šiškauskas]], [[Saša Kaun|Kaun]] ed [[Andrej Voroncevič|Voroncevič]].<br />
Il CSKA e Kirilenko dominano la stagione: AK-47 viene nominato [[Most Valuable Player|MVP]] (con annessa selezione per l'[[All-Euroleague First Team]]) e [[miglior difensore dell'Eurolega]], MVP della Lega VTB e delle sue Final Four, e trascina i compagni alla vittoria della [[VTB United League 2011–12|Lega VTB]]. La finale di Eurolega a [[Istanbul]], dopo aver dominato la stagione e battuto in semifinale i campioni in carica del Panahinaikos 66-64, sembrerebbe l'apice di una stagione perfetta. Dopo aver condotto per la maggior parte della partita clamorosamente nell'ultimo quarto, iniziato in vantaggio 53-40, l'[[Olympiakos]] recupera la strafavorita corazzata russa (andata anche a +19 nel match ma con due soli canestri negli ultimi 12 minuti) e, con il canestro a 7 decimi dalla fine di [[Giorgios Printezis|Printezis]], conquista l'[[Euroleague Basketball|Eurolega]] (62 a 61 il punteggio finale): per il [[CSKA]] e Kirilenko è una delusione atroce, che la successiva vittoria del campionato russo non potrà cancellare.
Utente anonimo