Differenze tra le versioni di "Agostino Lo Piano Pomar"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  6 mesi fa
m
m (→‎Deputato del Regno: fix maiuscola)
Nel 1911 si candidò alla Camera per il collegio di [[Caltanissetta]], venendo però battuto dal conte [[Ignazio Testasecca]], rappresentante dell'aristocrazia latifondista, del notabilato e della Chiesa. Tuttavia negli anni successivi riuscì a costruirsi un consenso molto ampio soprattutto tra i minatori e i contadini, tanto che il 26 luglio 1914 venne eletto deputato all'interno della XXIV legislatura, prendendo il posto di [[Nunzio Nasi]] che aveva optato per il collegio di [[Trapani]].<ref name=santagati49>{{Cita|Santagati|p. 49}}.</ref><ref name=ilfattonisseno /> [[Interventismo|Interventista]], benché socialista, nel 1915 lasciò momentaneamente la politica per prendere parte alla [[Grande Guerra]] con il grado di sottotenente.<ref name=santagati49 />
 
Alle [[Elezioni politiche italiane del 1919|elezioni del 16 novembre 1919]], le prime con [[Sistema elettorale#Il sistema proporzionale|sistema proporzionale]], venne eletto nelle file del bloccoBlocco democratico. Il dicembre successivo presentò come primo firmatario una proposta di legge in materia di "Provvedimenti relativi al regime del sottosuolo e delle miniere in Sicilia".<ref>{{cita web|url=http://archivio.camera.it/patrimonio/archivio_della_camera_regia_1848_1943/are01o/documento/CD3300103969|titolo=Lo Piano e altri. "Provvedimenti relativi al regime del sottosuolo e delle miniere in Sicilia", 20.12.1919|sito=Archivio storico della Camera dei deputati|accesso=28 settembre 2016}}</ref> Si batté inoltre per l'istituzione del comune di Milocca (oggi [[Milena (Italia)|Milena]]).<ref name=propostalegge1921/><ref name=propostalegge1923/> Nel 1920 ricoprì brevemente l'incarico di [[sottosegretario di stato]] per [[Ministero dell'industria e del commercio|l'industria e il commercio]] all'interno del [[Governo Nitti II]].<ref name=storia.camera>{{Cita|Camera.it}}.</ref> Venne riconfermato anche alle [[Elezioni politiche italiane del 1921|politiche del 15 maggio 1921]],<ref>{{Cita|Santagati|p. 51}}.</ref> e nel [[1922]] fu sottosegretario per il [[Ministero della pubblica istruzione]].<ref name=storia.camera />
 
=== Sindaco di Caltanissetta ===