Differenze tra le versioni di "Algoritmo randomizzato"

m
smistamento lavoro sporco e fix vari
(+S, +categorie)
m (smistamento lavoro sporco e fix vari)
 
{{S|informaticaalgoritmi}}
Un '''algoritmo randomizzato''' è un [[algoritmo]] che include un certo grado di [[Aleatorietà|casualità]] nella sua logica. Tipicamente l'algoritmo utilizza [[Variabile casuale|variabili aleatorie]] come input ausiliario per guidare il suo comportamento con l'obiettivo di ottenere, [[Valore atteso|in media]], buone prestazioni. Le prestazioni dell'algoritmo, inclusi il tempo di esecuzione o l'output, saranno a loro volta casuali.
 
Gli algoritmi randomizzati sono particolarmente utili di fronte a utenti malevoli, e quindi ampiamente utilizzati con applicazioni [[Crittografia|crittografiche]]; in questi casi, tuttavia, sono necessari accorgimenti per evitare che i [[numeri pseudo-casuali]] vengano predetti, rendendo l'algoritmo sostanzialmente deterministico.
 
Un tipico esempio di algoritmo randomizzato è il [[quicksort]] <ref>{{Cita pubblicazione|cognome=Hoare|nome=C. A. R.|data=Julyluglio 1961|titolo=Algorithm 64: Quicksort|rivista=Commun. ACM|volume=4|numero=7|pp=321–|doi=10.1145/366622.366644|issn=0001-0782}}</ref>.
 
In alcuni casi, gli algoritmi probabilistici sono l'unico mezzo pratico per risolvere un problema <ref>{{Cita libro|cognome=Abelson|nome=Hal|cognome2= Sussman|nome2=Gerald J.|titolo=Structure and Interpretation of Computer Programs|anno=1996|editore=[[MIT Press]]}}</ref>.
 
{{portale|informatica}}
 
[[Categoria:Statistica computazionale]]
[[Categoria:Algoritmi]]
318 973

contributi