Differenze tra le versioni di "Moscato di Scanzo"

m
corretto errore di battitura
m (Bot: accenti e modifiche minori)
m (corretto errore di battitura)
Il Moscato di Scanzo è stato riconosciuto come Docg con D.M del 28 aprile 2009, pertanto con la produzione anno 2007 si è potuto utilizzare il riconoscimento Docg garante della tutela e della qualità del prodotto.
 
Nel 2015 venne inaugurata una nuova sede del Consorzio. Viene denominato “il Salotto” la sala principale, in onore di due personaggi che si sono impegnati attivamente nella diffusione della storia relativa al Moscato di Scanzo: l’avvocato Paolo Beninelli e l’architetto Corrado Fumagalli. La sala delle degustazioni è stata dedicata invece a Gino Veronelli, in quanto ha saputo amare il Moscato di Scanzo, la cui dedizione, infatti, ha permesso di ottenere la denominazione di orgineorigine certificata. L’architetto Massimiliano Mandarini realizzò al meglio questo salotto che si sviluppa su due piani e che attraverso tecniche e spunti differenti ha creato questo luogo tanto lussuoso quanto informale. L’antico si è unito al contemporaneo attraverso diversi scenari di luci e forme.<ref>{{Cita web|url=https://www.ecodibergamo.it/stories/Enogastronomia/il-moscato-di-scanzoha-una-nuova-sede_1127561_11/|titolo=https://www.ecodibergamo.it}}</ref>
 
Oggi il Consorzio Tutela Moscato di Scanzo è impegnato attivamente per la sua valorizzazione, divulgazione e promozione attraverso azioni dalle molteplici sfaccettature.<ref name=":0">{{Cita web|url=http://www.consorziomoscatodiscanzo.it/home.php?pagina=consorzio|titolo=Home Page {{!}} Moscato di Scanzo|sito=www.consorziomoscatodiscanzo.it|accesso=2016-07-19|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20160818231006/http://www.consorziomoscatodiscanzo.it/home.php?pagina=consorzio|dataarchivio=18 agosto 2016}}</ref>
40 713

contributi