Differenze tra le versioni di "2. Fußball-Bundesliga"

21-22
(21-22)
Le prime due classificate sono promosse in Bundesliga, mentre la terza effettua uno spareggio con la terz'ultima classificata in Bundesliga. Retrocedono in [[3. Liga]], la terza serie nazionale, le ultime due classificate più la perdente dello spareggio tra la terz'ultima di 2. Bundesliga e la terza classificata in [[3. Liga]].
 
== Storia ==
== Squadre partecipanti 2020-2021 ==
=== Situazione precedente ===
Prima della nascita della Zweite Bundesliga il secondo posto nella piramide del [[campionato di calcio tedesco|calcio tedesco]] era occupato dalla [[Fußball-Regionalliga|Regionalliga]]. Questo campionato nacque nel [[1963]] in seguito alla creazione della [[Bundesliga]], il nuovo torneo di vertice sorto al posto dell'[[Oberliga]]: tutte le squadre delle cinque ''Oberligen'' che non riuscirono a qualificarsi alla Bundesliga diedero infatti vita alla nuova seconda divisione. Essa manteneva sempre lo stesso numero di gironi e la medesima suddivisione territoriale del vecchio massimo campionato: Nord, West, Südwest, Süd e [[Berlino Ovest]].
 
Uno svantaggio di questa riorganizzazione era però l'aver creato un grande divario fra la Bundesliga, che era un campionato nazionale e professionistico, ed il livello sottostante: la Regionalliga era infatti su base regionale e a carattere dilettantesco. La retrocessione in seconda serie poteva quindi essere un evento traumatico, e nel [[1971]] venne anche scoperto che alcuni club di Bundesliga furono aiutati a rimanere nella categoria da numerosi giocatori, anche di primo piano, tecnici e dirigenti in cambio di denaro<ref>{{cita web|url=https://tonyface.blogspot.it/2012/04/calcio-punito-greatest-footnball_27.html|titolo=Calcio Punito - The Greatest Foot'n'Ball Swindles : Bundesliga 1971|pubblicazione=tonyface.blogspot.it/|accesso=18 dicembre 2014|lingua=it}}</ref>.
 
=== Dal 1974 al 1981: due gironi ===
Il conseguente [[Scandalo del calcio tedesco del 1971|scandalo]] induce la [[Federazione calcistica della Germania|Federazione]] a infliggere numerose squalifiche, ma anche a creare un nuovo campionato di secondo livello più competitivo e professionistico: la Zweite Bundesliga. Il torneo è inizialmente formato da un girone Nord e uno Süd, composti entrambi da venti squadre ciascuno. Queste vengono scelte tenendo conto dei risultati conseguiti negli ultimi cinque anni: così nel girone Nord sette compagini provengono dalla Regionalliga Nord, dodici dalla West e una da quella di Berlino, mentre nel Süd sette arrivano della Südwest e tredici della Süd. Viene poi deciso che le promozioni al livello superiore sono tre, le due vincitrici dei gironi più la vincente del [[play-off]] tra le due seconde, mentre le retrocessioni sono otto, le ultime quattro di ciascun gruppo.
 
La [[2. Fußball-Bundesliga 1974-1975|stagione 1974-1975]] è la prima del nuovo campionato, e vede ai nastri di partenza una squadra che nel recente passato ha conquistato la [[Coppa delle Coppe]], il {{Calcio Borussia Dortmund|N}}. I nero-gialli vengono promossi al termine della [[2. Fußball-Bundesliga 1975-1976|seconda edizione]], dopo aver sconfitto peraltro ai play-off un club che solo pochi anni prima ha conquistato il titolo: il [[1. FC Nürnberg|Norimberga]]. Altra squadra di rango è il [[Monaco 1860]], che riguadagna la massima divisione alla fine del [[2. Fußball-Bundesliga 1976-1977|campionato 1976-1977]] insieme allo [[Verein für Bewegungsspiele Stuttgart 1893|Stoccarda]]; milita in quest'ultima squadra [[Ottmar Hitzfeld]], che il 13 maggio [[1977]] stabilisce il record di gol segnati in una partita da un singolo giocatore,<ref name="weltfussball.de">{{cita web|url=http://www.weltfussball.de/statistik/2-bundesliga/5/|titolo=2. Bundesliga » Statistik » Die meisten Tore eines Spielers pro Spiel|pubblicazione=weltfussball.de|accesso=29 dicembre 2015|lingua=de}}</ref> sei, realizzati nella vittoria per 8-0 contro lo [[Sport- und Schwimmverein Jahn 2000 Regensburg|Jahn Regensburg]]<ref>{{cita web|url=http://www.fussballdaten.de/zweiteliga/sued/1977/37/vfbstuttgart-regensburg/|titolo=Die Spielstatistik VfB Stuttgart - Jahn Regensburg|pubblicazione=fussballdaten.de|accesso=29 dicembre 2015|lingua=de|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20160312190555/http://www.fussballdaten.de/zweiteliga/sued/1977/37/vfbstuttgart-regensburg/|dataarchivio=12 marzo 2016}}</ref>.
 
Intanto il torneo va avanti: la [[2. Fußball-Bundesliga 1977-1978|stagione 1977-1978]] vede sia il ritorno in massima divisione del Norimberga che l'affermazione del giovane [[Horst Hrubesch]], capocannoniere con ben 41 gol, mentre l'[[2. Fußball-Bundesliga 1978-1979|anno successivo]] il {{Calcio Bayer Leverkusen|N}} si guadagna l'accesso alla Bundesliga. Nel [[2. Fußball-Bundesliga 1979-1980|campionato 1979-1980]] è invece particolare la situazione della città di [[Hannover]], che si ritrova rappresentata da ben tre squadre; però una di queste, l'[[Sport-Verein Arminia Hannover|Arminia]], subisce contro l'[[Arminia Bielefeld|omonima squadra di Bielefeld]] la più pesante sconfitta in assoluto del torneo<ref name="ReferenceA">{{cita web|url=http://www.weltfussball.de/statistik/2-bundesliga/3/|titolo=2. Bundesliga » Statistik » Die höchsten Siege|pubblicazione=weltfussball.de|accesso=29 dicembre 2015|lingua=de}}</ref>, un 11-0<ref>{{cita web|1=http://www.fussballdaten.de/zweiteliga/nord/1980/37/bielefeld-ahannover/|titolo=Die Spielstatistik Arminia Bielefeld - Arminia Hannover|pubblicazione=fussballdaten.de|accesso=29 dicembre 2015|lingua=de|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20160327051931/http://www.fussballdaten.de/zweiteliga/nord/1980/37/bielefeld-ahannover/|dataarchivio=27 marzo 2016|urlmorto=sì}}</ref>. Nella [[2. Fußball-Bundesliga 1980-1981|stagione successiva]] si registra invece l'unica partecipazione al torneo del {{Calcio Werder Brema|N}}, che comunque vince subito il gruppo Nord.
 
=== 1981 - 1991: un girone ===
Dal [[1981]] viene però deciso di restringere il torneo ad un solo girone, composto sempre da venti squadre: ne rimangono così otto del girone Nord, nove del Süd, e poi ci sono le tre che arrivano dalla Bundesliga. Cambia naturalmente anche il formato, che prevede ora la promozione diretta della vincitrice e della seconda classificata, mentre la terza deve disputare uno spareggio con la terzultima del livello superiore; retrocedono invece in [[Oberliga]] le ultime quattro.
 
La prima stagione col nuovo formato, [[2. Fußball-Bundesliga 1981-1982|quella 1981-1982]], si conclude con la vittoria dello {{Calcio Schalke|N}}, che è alla sua prima partecipazione, mentre il miglior marcatore del torneo è [[Rudi Völler]] del Monaco 1860. Questa squadra non riesce ad iscriversi alla [[2. Fußball-Bundesliga 1982-1983|stagione successiva]], mentre a venire promosso è il [[Krefelder Fußball-Club Uerdingen 05|Bayer Uerdingen]]; [[2. Fußball-Bundesliga 1983-1984|nel 1984]], invece, si mette in luce [[Roland Wohlfarth]], che diventa capocannoniere.
 
Intanto nuove squadre si affacciano in Bundesliga: nella [[2. Fußball-Bundesliga 1985-1986|stagione 1985-1986]] tocca ad [[Fußball-Club 08 Homburg/Saar|Homburg]] e [[Sportliche Vereinigung Blau-Weiß 1890|Blau-Weiß Berlin]], mentre al termine del [[2. Fußball-Bundesliga 1987-1988|campionato 1987-1988]] è la volta del [[Sportverein Stuttgarter Kickers|Kickers Stoccarda]], e [[2. Fußball-Bundesliga 1989-1990|nel 1990]] del [[Sportgemeinschaft 09 Wattenscheid|Wattenscheid]]. Ritornano invece in massima divisione il [[1. Fußball-Club Nürnberg Verein für Leibesübungen|Norimberga]] e l'[[Hannoverscher Sportverein von 1896|Hannover]] al termine del [[2. Fußball-Bundesliga 1986-1987|campionato 1986-1987]], e il [[Fortuna Düsseldorf]] [[2. Fußball-Bundesliga 1988-1989|nel 1989]]; da notare che questa squadra aveva disputato una finale continentale giusto un decennio prima. Nello stesso anno retrocede l'[[Sport-Gemeinschaft Union Solingen 97|Union Solingen]], squadra che fin qui aveva disputato tutte le edizioni del torneo, inoltre si ritira lo [[Spagna|spagnolo]] [[Joaquín Montañés]], il giocatore con più presenze in campionato con la stessa maglia, quella dell'[[Alemannia Aquisgrana]]. Questa stessa squadra, anch'essa presente dal [[1974]], scivola in Oberliga l'anno successivo, quando viene invece nuovamente promosso l'{{Calcio Hertha Berlino|N}}; [[2. Fußball-Bundesliga 1990-1991|nel 1991]] lo Schalke 04 ottiene il suo secondo successo, oltre alla terza promozione del decennio.
 
=== 1991 - 1992: due gironi ===
Gli [[anni 1990|anni novanta]] si aprono con la [[riunificazione tedesca]], pertanto in [[Germania]] viene deciso di creare un unico campionato. Quindi nella [[2. Fußball-Bundesliga 1991-1992|stagione 1991-1992]] alle tradizionali venti squadre ne vengono aggiunte altre quattro; queste provengono [[DDR-Oberliga]], e arrivano insieme ad altre due che vincono le partite di qualificazione, secondo la classifica dell'[[NOFV-Oberliga 1990-1991|ultima stagione]]. Le ventiquattro compagini vengono poi divise in due gruppi da dodici, mentre il campionato si svolge in due fasi, con solo le due prime promosse. Accade anche che l'[[Hallescher Fußball-Club|Hallescher]] e il [[Rot-Weiß Erfurt]] partecipino anche alla [[Coppa UEFA 1991-1992|Coppa UEFA]], con questi ultimi che vengono eliminati nel secondo turno dai futuri campioni dell'{{Calcio Ajax|N}}, e che una squadra militante in questo torneo, l'Hannover, vinca la [[DFB-Pokal 1991-1992|DFB-Pokal]].
 
=== 1992 - presente: un girone ===
Nella [[2. Fußball-Bundesliga 1992-1993|stagione 1992-1993]] si ritorna ad un solo girone formato però da ventiquattro squadre; queste saranno riportate a venti grazie a otto retrocessioni. Il campionato viene vinto dal [[Sport-Club Freiburg|Friburgo]] che viene promosso per la prima volta, mentre l'Hannover viene subito eliminato nella [[Coppa delle Coppe 1992-1993|Coppa delle Coppe]] dai campioni in carica del {{Calcio Werder Brema|N}}. Dall'[[2. Fußball-Bundesliga 1993-1994|anno successivo]] si registra un cambiamento nel formato: ora la terza classificata viene promossa direttamente in Bundesliga, mentre le squadre sono ridotte a diciotto, con a regime quattro retrocessioni nella nuova [[Regionalliga]]. Il campionato è invece caratterizzato dalla prima partecipazione del {{Calcio Bochum|N}}, squadra che aveva militato ininterrottamente al livello superiore dal [[1971]], e che vi fa immediatamente ritorno. Risale invece [[2. Fußball-Bundesliga 1994-1995|al 1995]] la prima vittoria di una squadra dell'ex [[Germania Est]], l'{{Calcio Hansa Rostock|N}}, anche se la prima promozione sul campo era stata ottenuta dal [[VfB Lipsia|Lipsia]] due anni prima.
 
Intanto fanno il loro esordio nel [[2. Fußball-Bundesliga 1996-1997|campionato 1996-1997]] due squadre sempre presenti in Bundesliga, il [[FC Kaiserslautern|Kaiserslautern]], che partecipa anche alla [[Coppa delle Coppe 1996-1997|Coppa delle Coppe]], e l'[[Eintracht Francoforte]]: se la prima di queste squadre torna subito in massima serie (vincendo oltretutto il titolo tedesco da neopromossa) insieme al [[Verein für Leibesübungen Wolfsburg|Wolfsburg]], l'altra la segue l'[[2. Fußball-Bundesliga 1997-1998|anno successivo]]. Prima partecipazione [[2. Fußball-Bundesliga 1998-1999|nel 1998]] anche per il [[1. Fußball-Club Köln 01/07|Colonia]], che vince il campionato [[2. Fußball-Bundesliga 1999-2000|nel 2000]], quando è presente anche il [[Borussia Mönchengladbach]]; retrocede invece nello stesso anno in Regionalliga il [[Fortuna Colonia]], squadra che finora aveva preso parte a tutte le ventisei edizioni del torneo.
 
Una nuova partecipazione di una squadra di seconda serie alle [[competizioni europee]] si ha nel [[2001]], quando il neopromosso [[1. FC Union Berlin|Union Berlin]] gioca in [[Coppa UEFA 2001-2002|Coppa UEFA]], mentre il [[2. Fußball-Bundesliga 2002-2003|campionato 2002-2003]] vede la vittoria del Friburgo, che sale in compagnia di Colonia ed Eintracht Francoforte. Al termine del [[2. Fußball-Bundesliga 2003-2004|campionato 2003-2004]] arriva invece la prima promozione per il [[1. Fußball- und Sportverein Mainz 05|Magonza]], mentre l'[[2. Fußball-Bundesliga 2004-2005|anno successivo]] diventa capocannoniere [[Lukas Podolski]] e si fa notare in campo internazionale l'[[Alemannia Aachen]]: la squadra partecipa alla [[Coppa UEFA 2004-2005|Coppa UEFA]] in virtù del raggiungimento della finale della [[DFB-Pokal 2003-2004|DFB-Pokal l'anno precedente]], e riesce anche a passare la fase a gironi. Purtroppo però la stagione sarà anche ricordata per la scoperta di un nuovo [[Scandalo del calcio tedesco del 2005|scandalo]], che arriva a poco più di un anno dall'inizio dei [[Campionato mondiale di calcio 2006|Mondiali tedeschi]]. L'Alemannia viene poi promossa l'[[2. Fußball-Bundesliga 2005-2006|anno successivo]], mentre [[2. Fußball-Bundesliga 2007-2008|nel 2008]] gioca per la prima volta in [[Bundesliga]] l'[[Turn- und Sportgemeinschaft 1899 Hoffenheim|Hoffenheim]].
 
Una nuova modifica si ha nella [[2. Fußball-Bundesliga 2008-2009|stagione 2008-2009]]: da ora in avanti la terza classificata deve nuovamente vincere lo spareggio con la terzultima della Bundesliga per essere promossa. Cambia anche il discorso delle retrocessioni: le ultime due sono automaticamente retrocesse nella neonata [[3. Liga]], mentre, analogamente al discorso della promozione, la terzultima deve affrontare la terza classificata del livello inferiore.
 
Questo campionato vede il ritorno in massima divisione del Magonza e del [[1. Fußball-Club Nürnberg Verein für Leibesübungen|Norimberga]]: quest'ultima squadra batte nello spareggio l'[[Energie Cottbus]] dopo aver concluso il campionato in terza posizione. Se [[2. Fußball-Bundesliga 2009-2010|nel 2010]] si assiste ad una nuova salita del [[Fußball-Club St. Pauli von 1910|St. Pauli]], nei due anni a seguire è invece il turno di due matricole: l'{{Calcio Augusta|N}} e il [[Greuther Fürth]]. Nuova vittoria dell'{{Calcio Hertha Berlino|N}} [[2. Fußball-Bundesliga 2012-2013|nel 2013]], squadra sconfitta l'[[2. Fußball-Bundesliga 2011-2012|anno precedente]] nel [[play-out]] dal [[Fortuna Düsseldorf]], mentre altre due squadre che mai erano state in Bundesliga e che vengono ora invece promosse sono il [[Paderborn 07|Paderborn]] [[2. Fußball-Bundesliga 2013-2014|nel 2014]] e l'[[Fußballclub Ingolstadt 04|Ingolstadt]] [[2. Fußball-Bundesliga 2014-2015|nel 2015]]. Nella [[2. Fußball-Bundesliga 2018-2019|stagione 2018-19]] gioca in Zweite l'ultima squadra finora mai retrocessa dalla Bundesliga, l'[[Amburgo]].
 
Il [[2. Fußball-Bundesliga 2019-2020|campionato 2019-2020]], così come per il resto di tutte le competizioni sportive mondiali (salvo rare eccezioni), è stato sospeso per più di tre mesi causa [[Pandemia di COVID-19 del 2019-2021|pandemia di COVID-19]], precisamente dal 9 marzo al 16 giugno 2020. Tutte le restanti partite giocate dopo lo stop forzato si sono disputate a porte chiuse in modo da evitare assembramenti negli stadi. Se considerato lo spareggio retrocessione/promozione con la terza di [[3. Liga]], il torneo è terminato l'11 luglio, mai così tardi prima d'ora.
 
== Regole ==
=== Numero di squadre ===
Dalla [[2. Fußball-Bundesliga 1994-1995|stagione 1994-1995]] partecipano al campionato diciotto squadre, che disputano partite di andata e ritorno in un unico [[girone all'italiana]].
 
Storicamente però la Zweite Bundesliga parte nella [[2. Fußball-Bundesliga 1974-1975|stagione 1974-1975]] con quaranta club, che sono equamente divisi in due gruppi; [[2. Fußball-Bundesliga 1981-1982|dal 1981]] il loro numero viene invece dimezzato, e si passa inoltre al girone unico. Particolare è la situazione della [[2. Fußball-Bundesliga 1991-1992|stagione 1991-1992]]: a causa della recente [[riunificazione tedesca]] si aggiungono anche delle squadre dell'ex [[Germania Est]], e si passa per quella stagione soltanto a due gironi composti da dodici squadre. Le ventiquattro squadre vengono poi momentaneamente ridotte a venti nella [[2. Fußball-Bundesliga 1993-1994|stagione 1993-1994]].
 
=== Promozione e retrocessione ===
Dalla [[2. Fußball-Bundesliga 2008-2009|stagione 2008-2009]] sono promosse in [[Bundesliga]] le prime due squadre, mentre la terza classificata deve disputare uno spareggio con la terzultima del campionato soprastante; analogamente retrocedono in [[3. Liga]] le ultime due, mentre la sedicesima può rimanere se vince il doppio confronto contro la terza del livello inferiore.
 
=== Giocatori ===
Le squadre non devono avere in campo più di cinque giocatori extracomunitari.
== Squadre ==
Di seguito l'organico della stagione 2021-2022.
{| class="wikitable sortable"
! Club
| [[Volksparkstadion]]
| 57.000
|-
| {{Calcio Bochum}}
| [[Bochum]]
| [[Rewirpowerstadion]]
| 30.748
|-
| {{Calcio Darmstadt}}
| 17.000
|-
| {{Calcio EintrachtDinamo BraunschweigDresda}}
| [[BraunschweigDresda]]
| [[EintrachtDDV-Stadion]]
| 2532.000085
|-
| {{Calcio Erzgebirge Aue}}
| [[Merkur Spiel-Arena]]
| 54.600
|-
| {{Calcio Greuther Furth}}
| [[Fürth (Baviera)|Fürth]]
| [[Stadion am Laubenweg]]
| 15.200
|-
| {{Calcio Hannover}}
| [[HDI-Arena]]
| 48.933
|-
| {{Calcio Hansa Rostock}}
| [[Rostock]]
| [[Ostseestadion]]
| 29.000
|-
| {{Calcio Heidenheim}}
| [[Holstein-Stadion]]
| 11.386
|-
| {{Calcio Ingolstadt}}
| [[Ingolstadt]]
| [[Audi-Sportpark]]
| 15.800
|-
| {{Calcio Jahn Regensburg}}
| [[Wildparkstadion]]
| 32.306
|-
| {{Calcio Wurzburger Kickers}}
| [[Würzburg]]
| [[flyeralarm Arena]]
| 14.500
|-
| {{Calcio Norimberga}}
| [[Max-Morlock-Stadion]]
| 50.000
|-
| {{Calcio Osnabruck}}
| [[Osnabrück]]
| [[Osnatel Arena]]
| 16.130
|-
| {{Calcio Paderborn}}
| [[Hardtwaldstadion]]
| 10.600
|-
| {{Calcio Schalke}}
| [[Gelsenkirchen]]
| [[Veltins-Arena]]
| 62.271
|-
| {{Calcio St. Pauli}}
| [[Millerntor-Stadion]]
| 24.487
|-
| {{Calcio Werder Brema}}
| [[Brema]]
| [[Weserstadion]]
| 42.100
|-
|}
 
== Storia ==
=== Situazione precedente ===
Prima della nascita della Zweite Bundesliga il secondo posto nella piramide del [[campionato di calcio tedesco|calcio tedesco]] era occupato dalla [[Fußball-Regionalliga|Regionalliga]]. Questo campionato nacque nel [[1963]] in seguito alla creazione della [[Bundesliga]], il nuovo torneo di vertice sorto al posto dell'[[Oberliga]]: tutte le squadre delle cinque ''Oberligen'' che non riuscirono a qualificarsi alla Bundesliga diedero infatti vita alla nuova seconda divisione. Essa manteneva sempre lo stesso numero di gironi e la medesima suddivisione territoriale del vecchio massimo campionato: Nord, West, Südwest, Süd e [[Berlino Ovest]].
 
Uno svantaggio di questa riorganizzazione era però l'aver creato un grande divario fra la Bundesliga, che era un campionato nazionale e professionistico, ed il livello sottostante: la Regionalliga era infatti su base regionale e a carattere dilettantesco. La retrocessione in seconda serie poteva quindi essere un evento traumatico, e nel [[1971]] venne anche scoperto che alcuni club di Bundesliga furono aiutati a rimanere nella categoria da numerosi giocatori, anche di primo piano, tecnici e dirigenti in cambio di denaro<ref>{{cita web|url=https://tonyface.blogspot.it/2012/04/calcio-punito-greatest-footnball_27.html|titolo=Calcio Punito - The Greatest Foot'n'Ball Swindles : Bundesliga 1971|pubblicazione=tonyface.blogspot.it/|accesso=18 dicembre 2014|lingua=it}}</ref>.
 
=== Dal 1974 al 1981: due gironi ===
Il conseguente [[Scandalo del calcio tedesco del 1971|scandalo]] induce la [[Federazione calcistica della Germania|Federazione]] a infliggere numerose squalifiche, ma anche a creare un nuovo campionato di secondo livello più competitivo e professionistico: la Zweite Bundesliga. Il torneo è inizialmente formato da un girone Nord e uno Süd, composti entrambi da venti squadre ciascuno. Queste vengono scelte tenendo conto dei risultati conseguiti negli ultimi cinque anni: così nel girone Nord sette compagini provengono dalla Regionalliga Nord, dodici dalla West e una da quella di Berlino, mentre nel Süd sette arrivano della Südwest e tredici della Süd. Viene poi deciso che le promozioni al livello superiore sono tre, le due vincitrici dei gironi più la vincente del [[play-off]] tra le due seconde, mentre le retrocessioni sono otto, le ultime quattro di ciascun gruppo.
 
La [[2. Fußball-Bundesliga 1974-1975|stagione 1974-1975]] è la prima del nuovo campionato, e vede ai nastri di partenza una squadra che nel recente passato ha conquistato la [[Coppa delle Coppe]], il {{Calcio Borussia Dortmund|N}}. I nero-gialli vengono promossi al termine della [[2. Fußball-Bundesliga 1975-1976|seconda edizione]], dopo aver sconfitto peraltro ai play-off un club che solo pochi anni prima ha conquistato il titolo: il [[1. FC Nürnberg|Norimberga]]. Altra squadra di rango è il [[Monaco 1860]], che riguadagna la massima divisione alla fine del [[2. Fußball-Bundesliga 1976-1977|campionato 1976-1977]] insieme allo [[Verein für Bewegungsspiele Stuttgart 1893|Stoccarda]]; milita in quest'ultima squadra [[Ottmar Hitzfeld]], che il 13 maggio [[1977]] stabilisce il record di gol segnati in una partita da un singolo giocatore,<ref name="weltfussball.de">{{cita web|url=http://www.weltfussball.de/statistik/2-bundesliga/5/|titolo=2. Bundesliga » Statistik » Die meisten Tore eines Spielers pro Spiel|pubblicazione=weltfussball.de|accesso=29 dicembre 2015|lingua=de}}</ref> sei, realizzati nella vittoria per 8-0 contro lo [[Sport- und Schwimmverein Jahn 2000 Regensburg|Jahn Regensburg]]<ref>{{cita web|url=http://www.fussballdaten.de/zweiteliga/sued/1977/37/vfbstuttgart-regensburg/|titolo=Die Spielstatistik VfB Stuttgart - Jahn Regensburg|pubblicazione=fussballdaten.de|accesso=29 dicembre 2015|lingua=de|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20160312190555/http://www.fussballdaten.de/zweiteliga/sued/1977/37/vfbstuttgart-regensburg/|dataarchivio=12 marzo 2016}}</ref>.
 
Intanto il torneo va avanti: la [[2. Fußball-Bundesliga 1977-1978|stagione 1977-1978]] vede sia il ritorno in massima divisione del Norimberga che l'affermazione del giovane [[Horst Hrubesch]], capocannoniere con ben 41 gol, mentre l'[[2. Fußball-Bundesliga 1978-1979|anno successivo]] il {{Calcio Bayer Leverkusen|N}} si guadagna l'accesso alla Bundesliga. Nel [[2. Fußball-Bundesliga 1979-1980|campionato 1979-1980]] è invece particolare la situazione della città di [[Hannover]], che si ritrova rappresentata da ben tre squadre; però una di queste, l'[[Sport-Verein Arminia Hannover|Arminia]], subisce contro l'[[Arminia Bielefeld|omonima squadra di Bielefeld]] la più pesante sconfitta in assoluto del torneo<ref name="ReferenceA">{{cita web|url=http://www.weltfussball.de/statistik/2-bundesliga/3/|titolo=2. Bundesliga » Statistik » Die höchsten Siege|pubblicazione=weltfussball.de|accesso=29 dicembre 2015|lingua=de}}</ref>, un 11-0<ref>{{cita web|1=http://www.fussballdaten.de/zweiteliga/nord/1980/37/bielefeld-ahannover/|titolo=Die Spielstatistik Arminia Bielefeld - Arminia Hannover|pubblicazione=fussballdaten.de|accesso=29 dicembre 2015|lingua=de|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20160327051931/http://www.fussballdaten.de/zweiteliga/nord/1980/37/bielefeld-ahannover/|dataarchivio=27 marzo 2016|urlmorto=sì}}</ref>. Nella [[2. Fußball-Bundesliga 1980-1981|stagione successiva]] si registra invece l'unica partecipazione al torneo del {{Calcio Werder Brema|N}}, che comunque vince subito il gruppo Nord.
 
=== 1981 - 1991: un girone ===
Dal [[1981]] viene però deciso di restringere il torneo ad un solo girone, composto sempre da venti squadre: ne rimangono così otto del girone Nord, nove del Süd, e poi ci sono le tre che arrivano dalla Bundesliga. Cambia naturalmente anche il formato, che prevede ora la promozione diretta della vincitrice e della seconda classificata, mentre la terza deve disputare uno spareggio con la terzultima del livello superiore; retrocedono invece in [[Oberliga]] le ultime quattro.
 
La prima stagione col nuovo formato, [[2. Fußball-Bundesliga 1981-1982|quella 1981-1982]], si conclude con la vittoria dello {{Calcio Schalke|N}}, che è alla sua prima partecipazione, mentre il miglior marcatore del torneo è [[Rudi Völler]] del Monaco 1860. Questa squadra non riesce ad iscriversi alla [[2. Fußball-Bundesliga 1982-1983|stagione successiva]], mentre a venire promosso è il [[Krefelder Fußball-Club Uerdingen 05|Bayer Uerdingen]]; [[2. Fußball-Bundesliga 1983-1984|nel 1984]], invece, si mette in luce [[Roland Wohlfarth]], che diventa capocannoniere.
 
Intanto nuove squadre si affacciano in Bundesliga: nella [[2. Fußball-Bundesliga 1985-1986|stagione 1985-1986]] tocca ad [[Fußball-Club 08 Homburg/Saar|Homburg]] e [[Sportliche Vereinigung Blau-Weiß 1890|Blau-Weiß Berlin]], mentre al termine del [[2. Fußball-Bundesliga 1987-1988|campionato 1987-1988]] è la volta del [[Sportverein Stuttgarter Kickers|Kickers Stoccarda]], e [[2. Fußball-Bundesliga 1989-1990|nel 1990]] del [[Sportgemeinschaft 09 Wattenscheid|Wattenscheid]]. Ritornano invece in massima divisione il [[1. Fußball-Club Nürnberg Verein für Leibesübungen|Norimberga]] e l'[[Hannoverscher Sportverein von 1896|Hannover]] al termine del [[2. Fußball-Bundesliga 1986-1987|campionato 1986-1987]], e il [[Fortuna Düsseldorf]] [[2. Fußball-Bundesliga 1988-1989|nel 1989]]; da notare che questa squadra aveva disputato una finale continentale giusto un decennio prima. Nello stesso anno retrocede l'[[Sport-Gemeinschaft Union Solingen 97|Union Solingen]], squadra che fin qui aveva disputato tutte le edizioni del torneo, inoltre si ritira lo [[Spagna|spagnolo]] [[Joaquín Montañés]], il giocatore con più presenze in campionato con la stessa maglia, quella dell'[[Alemannia Aquisgrana]]. Questa stessa squadra, anch'essa presente dal [[1974]], scivola in Oberliga l'anno successivo, quando viene invece nuovamente promosso l'{{Calcio Hertha Berlino|N}}; [[2. Fußball-Bundesliga 1990-1991|nel 1991]] lo Schalke 04 ottiene il suo secondo successo, oltre alla terza promozione del decennio.
 
=== 1991 - 1992: due gironi ===
Gli [[anni 1990|anni novanta]] si aprono con la [[riunificazione tedesca]], pertanto in [[Germania]] viene deciso di creare un unico campionato. Quindi nella [[2. Fußball-Bundesliga 1991-1992|stagione 1991-1992]] alle tradizionali venti squadre ne vengono aggiunte altre quattro; queste provengono [[DDR-Oberliga]], e arrivano insieme ad altre due che vincono le partite di qualificazione, secondo la classifica dell'[[NOFV-Oberliga 1990-1991|ultima stagione]]. Le ventiquattro compagini vengono poi divise in due gruppi da dodici, mentre il campionato si svolge in due fasi, con solo le due prime promosse. Accade anche che l'[[Hallescher Fußball-Club|Hallescher]] e il [[Rot-Weiß Erfurt]] partecipino anche alla [[Coppa UEFA 1991-1992|Coppa UEFA]], con questi ultimi che vengono eliminati nel secondo turno dai futuri campioni dell'{{Calcio Ajax|N}}, e che una squadra militante in questo torneo, l'Hannover, vinca la [[DFB-Pokal 1991-1992|DFB-Pokal]].
 
=== 1992 - presente: un girone ===
Nella [[2. Fußball-Bundesliga 1992-1993|stagione 1992-1993]] si ritorna ad un solo girone formato però da ventiquattro squadre; queste saranno riportate a venti grazie a otto retrocessioni. Il campionato viene vinto dal [[Sport-Club Freiburg|Friburgo]] che viene promosso per la prima volta, mentre l'Hannover viene subito eliminato nella [[Coppa delle Coppe 1992-1993|Coppa delle Coppe]] dai campioni in carica del {{Calcio Werder Brema|N}}. Dall'[[2. Fußball-Bundesliga 1993-1994|anno successivo]] si registra un cambiamento nel formato: ora la terza classificata viene promossa direttamente in Bundesliga, mentre le squadre sono ridotte a diciotto, con a regime quattro retrocessioni nella nuova [[Regionalliga]]. Il campionato è invece caratterizzato dalla prima partecipazione del {{Calcio Bochum|N}}, squadra che aveva militato ininterrottamente al livello superiore dal [[1971]], e che vi fa immediatamente ritorno. Risale invece [[2. Fußball-Bundesliga 1994-1995|al 1995]] la prima vittoria di una squadra dell'ex [[Germania Est]], l'{{Calcio Hansa Rostock|N}}, anche se la prima promozione sul campo era stata ottenuta dal [[VfB Lipsia|Lipsia]] due anni prima.
 
Intanto fanno il loro esordio nel [[2. Fußball-Bundesliga 1996-1997|campionato 1996-1997]] due squadre sempre presenti in Bundesliga, il [[FC Kaiserslautern|Kaiserslautern]], che partecipa anche alla [[Coppa delle Coppe 1996-1997|Coppa delle Coppe]], e l'[[Eintracht Francoforte]]: se la prima di queste squadre torna subito in massima serie (vincendo oltretutto il titolo tedesco da neopromossa) insieme al [[Verein für Leibesübungen Wolfsburg|Wolfsburg]], l'altra la segue l'[[2. Fußball-Bundesliga 1997-1998|anno successivo]]. Prima partecipazione [[2. Fußball-Bundesliga 1998-1999|nel 1998]] anche per il [[1. Fußball-Club Köln 01/07|Colonia]], che vince il campionato [[2. Fußball-Bundesliga 1999-2000|nel 2000]], quando è presente anche il [[Borussia Mönchengladbach]]; retrocede invece nello stesso anno in Regionalliga il [[Fortuna Colonia]], squadra che finora aveva preso parte a tutte le ventisei edizioni del torneo.
 
Una nuova partecipazione di una squadra di seconda serie alle [[competizioni europee]] si ha nel [[2001]], quando il neopromosso [[1. FC Union Berlin|Union Berlin]] gioca in [[Coppa UEFA 2001-2002|Coppa UEFA]], mentre il [[2. Fußball-Bundesliga 2002-2003|campionato 2002-2003]] vede la vittoria del Friburgo, che sale in compagnia di Colonia ed Eintracht Francoforte. Al termine del [[2. Fußball-Bundesliga 2003-2004|campionato 2003-2004]] arriva invece la prima promozione per il [[1. Fußball- und Sportverein Mainz 05|Magonza]], mentre l'[[2. Fußball-Bundesliga 2004-2005|anno successivo]] diventa capocannoniere [[Lukas Podolski]] e si fa notare in campo internazionale l'[[Alemannia Aachen]]: la squadra partecipa alla [[Coppa UEFA 2004-2005|Coppa UEFA]] in virtù del raggiungimento della finale della [[DFB-Pokal 2003-2004|DFB-Pokal l'anno precedente]], e riesce anche a passare la fase a gironi. Purtroppo però la stagione sarà anche ricordata per la scoperta di un nuovo [[Scandalo del calcio tedesco del 2005|scandalo]], che arriva a poco più di un anno dall'inizio dei [[Campionato mondiale di calcio 2006|Mondiali tedeschi]]. L'Alemannia viene poi promossa l'[[2. Fußball-Bundesliga 2005-2006|anno successivo]], mentre [[2. Fußball-Bundesliga 2007-2008|nel 2008]] gioca per la prima volta in [[Bundesliga]] l'[[Turn- und Sportgemeinschaft 1899 Hoffenheim|Hoffenheim]].
 
Una nuova modifica si ha nella [[2. Fußball-Bundesliga 2008-2009|stagione 2008-2009]]: da ora in avanti la terza classificata deve nuovamente vincere lo spareggio con la terzultima della Bundesliga per essere promossa. Cambia anche il discorso delle retrocessioni: le ultime due sono automaticamente retrocesse nella neonata [[3. Liga]], mentre, analogamente al discorso della promozione, la terzultima deve affrontare la terza classificata del livello inferiore.
 
Questo campionato vede il ritorno in massima divisione del Magonza e del [[1. Fußball-Club Nürnberg Verein für Leibesübungen|Norimberga]]: quest'ultima squadra batte nello spareggio l'[[Energie Cottbus]] dopo aver concluso il campionato in terza posizione. Se [[2. Fußball-Bundesliga 2009-2010|nel 2010]] si assiste ad una nuova salita del [[Fußball-Club St. Pauli von 1910|St. Pauli]], nei due anni a seguire è invece il turno di due matricole: l'{{Calcio Augusta|N}} e il [[Greuther Fürth]]. Nuova vittoria dell'{{Calcio Hertha Berlino|N}} [[2. Fußball-Bundesliga 2012-2013|nel 2013]], squadra sconfitta l'[[2. Fußball-Bundesliga 2011-2012|anno precedente]] nel [[play-out]] dal [[Fortuna Düsseldorf]], mentre altre due squadre che mai erano state in Bundesliga e che vengono ora invece promosse sono il [[Paderborn 07|Paderborn]] [[2. Fußball-Bundesliga 2013-2014|nel 2014]] e l'[[Fußballclub Ingolstadt 04|Ingolstadt]] [[2. Fußball-Bundesliga 2014-2015|nel 2015]]. Nella [[2. Fußball-Bundesliga 2018-2019|stagione 2018-19]] gioca in Zweite l'ultima squadra finora mai retrocessa dalla Bundesliga, l'[[Amburgo]].
 
Il [[2. Fußball-Bundesliga 2019-2020|campionato 2019-2020]], così come per il resto di tutte le competizioni sportive mondiali (salvo rare eccezioni), è stato sospeso per più di tre mesi causa [[Pandemia di COVID-19 del 2019-2021|pandemia di COVID-19]], precisamente dal 9 marzo al 16 giugno 2020. Tutte le restanti partite giocate dopo lo stop forzato si sono disputate a porte chiuse in modo da evitare assembramenti negli stadi. Se considerato lo spareggio retrocessione/promozione con la terza di [[3. Liga]], il torneo è terminato l'11 luglio, mai così tardi prima d'ora.
 
== Regole ==
=== Numero di squadre ===
Dalla [[2. Fußball-Bundesliga 1994-1995|stagione 1994-1995]] partecipano al campionato diciotto squadre, che disputano partite di andata e ritorno in un unico [[girone all'italiana]].
 
Storicamente però la Zweite Bundesliga parte nella [[2. Fußball-Bundesliga 1974-1975|stagione 1974-1975]] con quaranta club, che sono equamente divisi in due gruppi; [[2. Fußball-Bundesliga 1981-1982|dal 1981]] il loro numero viene invece dimezzato, e si passa inoltre al girone unico. Particolare è la situazione della [[2. Fußball-Bundesliga 1991-1992|stagione 1991-1992]]: a causa della recente [[riunificazione tedesca]] si aggiungono anche delle squadre dell'ex [[Germania Est]], e si passa per quella stagione soltanto a due gironi composti da dodici squadre. Le ventiquattro squadre vengono poi momentaneamente ridotte a venti nella [[2. Fußball-Bundesliga 1993-1994|stagione 1993-1994]].
 
=== Promozione e retrocessione ===
Dalla [[2. Fußball-Bundesliga 2008-2009|stagione 2008-2009]] sono promosse in [[Bundesliga]] le prime due squadre, mentre la terza classificata deve disputare uno spareggio con la terzultima del campionato soprastante; analogamente retrocedono in [[3. Liga]] le ultime due, mentre la sedicesima può rimanere se vince il doppio confronto contro la terza del livello inferiore.
 
=== Giocatori ===
Le squadre non devono avere in campo più di cinque giocatori extracomunitari.
 
== Partecipazioni per squadra ==
12 266

contributi