Battaglia di Les Clouzeaux: differenze tra le versioni

mNessun oggetto della modifica
Il [[20 marzo]], la colonna del generale [[Nicolas Haxo]] si scontrò con le truppe vandeane di [[François Charette]]. Ossessionato dalla distruzione dell'esercito di Charette, Haxo, sottovalutando la forza del suo avversario, si era presentato con una debole avanguardia a [[Les Clouzeaux]], città ancora salva dalle [[colonne infernali]].
 
Haxo aveva messo in fuga tutti i piccoli gruppi di vandeani che andava incontrando sul suo cammino e credeva che Charette fosse nei boschi attorno la città. Charette invece voleva tenere la città, e schierò le sue truppe fuori di essa davanti l'esercito repubblicano barricata in una chiesa fuori città. I [[dragoni]] repubblicani caricarono per primi l'avanguardia vandeana comandata da Joly. Erano sul punto di farla ripiegare quando la cavalleria vandeana li attaccò su un lato, i dragoni allora si diedero alla fuga, gettando nel panico la fanteria repubblicana, alla fine tutto il piccolo esercito repubblicano andò in rotta.
 
Durante la fuga ilHaxo cavalloferito dinel Haxocombattimento rifiutòad diun saltarebraccio unvenne ostacoloabbandonato eanche dal suo cavallo che lo disarcionò, dovendo quindi scappare a piedi venne facilmente raggiunto dalla cavalleria vandeana e morì durante lo scontro,. nonNon èsi chiarosanno peròle secircostanze siesatte siadella suicidatosua omorte, sela morìtesi inpiù combattimentoaccreditata è che sia morto dopo aver tentato di resistere ai cavalieri vandeani, tanto che Charette commentò così la sua morte: "quale danno avere ucciso un uomo così coraggioso". Ma il generale [[Louis Marie Turreau|Turreau]] per giustificare il mancato supporto ad Haxo sostenne che si suicidò per non aver cadere in mano nemica.
 
==Bibliografia==