Apri il menu principale

Modifiche

 
==Storia==
La pala venne commissionata a Duccio il [[15 aprile]] [[1285]] dalla [[Compagnia dei Laudesi]] per la [[chiesa di Santa Maria Novella]] a [[Firenze]]. Anticamente si trovava nella cappella di questa compagnia, chiamata poi [[Cappella Bardi (Santa Maria Novella)|Cappella Bardi]], dove alcuni affreschi tardo-duecenteschi, riscoperti da poco sotto altri trecenteschi e attributi allo stesso Duccio, furono probabilmente dipinti a suo coronamento. Nel [[1591]]<ref>[http://www.kwart.kataweb.it/kwart/ita/newsdett.jsp?idContent=578181&idCategory=1806 questa fonte] riporta invece il 1667; [http://www.exibart.com/notizia.asp?IDNotizia=9500&IDCategoria=208 qui] invece il 1591.</ref> venne spostata nella vicina [[Cappella Rucellai]], dalla quale prese il nome correntemente usato. Rimase in questa collocazione fino al [[1937]], quando venne esposta in una grande mostra su [[Giotto]] a Firenze; nel [[1948]] venne trasferita agli [[Uffizi]], dove si trova ancora oggi.
 
L'opera fu revisionata nel 1947-1948 e restaurata nel 1989 da Alfio Del Serra